lunedì 10 ottobre 2011

Tartellette rovesciate con cipolla rossa di Tropea, Pecorino della Sabina e barbe di finocchio

Per queste tartellette rovesciate ho pensato di abbinare alla dolcezza della cipolla di Tropea il sapore sapido e leggermente piccante di un prodotto tradizionale della regione Lazio il Pecorino della Sabina e il sapore aromatico e delicato delle barbe di finocchio.   






Ingredienti per due tartellette:

Per la Pasta brisée:
100 g di farina 00 
50 g di burro a pezzetti    
25 ml di acqua fredda  
pizzico di sale


Per il ripieno:
1 cipolla rossa di Tropea
25 g di burro
1 cucchiaino di zucchero
1 cucchiaino di aceto balsamico
scaglie di Pecorino della Sabina stagionatura 6 mesi (o a piacere altri formaggi semistagionati)
barbe di finocchio
farina 00 q.b.
sale
pepe nero


Preparazione:
In un recipiente si setaccia la farina si aggiunge il burro appena tolto dal frigo tagliato a pezzetti. Si lavora brevemente fino ad ottenere un composto granuloso, si aggiunge l’acqua fredda e il pizzico di sale si lavora con la punte delle dita fino ad ottenere un composto liscio e omogeneo. Si forma una palla, si avvolge in una pellicola trasparente e si mette in frigo per 30 minuti.
Nel frattempo in una padella si fa fondere il burro e lo zucchero, si aggiunge la cipolla tagliata a fettine si lascia cuocere per cinque minuti girando spesso, poi si aggiunge l’aceto balsamico il sale, il pepe e alcune barbe di finocchio si continua la cottura per altri 5 minuti circa.






Sulla spianatoia infarinata si stende un disco di pasta brisée leggermente più grande degli stampini. Si passa il burro sugli stampini e si versa una parte delle cipolle, si adagia sopra il disco di pasta brisée e si pressa bene sui bordi per sigillarli.
Si inforna a 180°C per 30-40 minuti circa, finché la superficie della pasta sarà dorata. Una volta cotta si estrae dal forno si lascia leggermente intiepidire e si rovescia su un piatto da portata, si aggiungono scaglie di Pecorino della Sabina o altri formaggi semistagionati e si guarnisce con le barbe di finocchio.















Con questa ricetta partecipo al contest Crostate e Crostatine salate del blog … la Cultura del Frumento del Molino Chiavazza.









17 commenti:

  1. Il colore di quelle cipolle è bellissimo e le tue tartellette uno sfizio davvero gustosissimo. Il formato mignon le rende ancora più appetitose. Un bacio, buona settimana

    RispondiElimina
  2. stupenda tartelletta, mi piace come hai abbinato cipolle e pecorino. un bacione

    RispondiElimina
  3. il piatto è meraviglioso, praticamente parla da solo..

    RispondiElimina
  4. Fra come sempre prepari ricetta mooolto gustose
    ciao

    RispondiElimina
  5. Un abbinamento, cara Fra, che mi piace tanto. Le tartellette ti sono venute benissimo. Sono molto belle anche le foto.

    Baci e buona settimana

    Giovanna

    RispondiElimina
  6. Davvero tutto bello: foto e ricetta! Un bacione e buona settimana!

    RispondiElimina
  7. belle queste tartellette....te le copio di sicuro
    anche io ho un blog http://saleecoccole.blogspot.com e se ti va vieni a vedere e unisciti ai sostenitori..io l ho gia' fatto con il tuo.
    Consigli e amiche di blog sono le benvenute

    RispondiElimina
  8. Bellissime queste tartellette e ricche di sapori che adoro!!!

    RispondiElimina
  9. Belle e buone, mi piace l'idea del rovesciamento!

    RispondiElimina
  10. Che buono questo piatto, adoro il sapore della cipolla di Tropea cotta!!! Questo Pecorino, invece, non lo conoscevo!!! Complimenti davvero ;)

    RispondiElimina
  11. Una vera delizia...Adoro la cipolla di Tropea e la trovo eccellente con il resto degli ingredienti...ciao.

    RispondiElimina
  12. Che tartelletta sfiziosa carissima, una vera delizia!! bravissima, un abbraccio, M.Luisa.

    RispondiElimina
  13. Ci credi che sono di Roma ma questo pecorino non l'ho mai mangiato!??!? Ottime le tartellette! CIAO SILVIA

    RispondiElimina
  14. famee! mi piaciono i gusti decisi e la presentazione è vincente...non conoscevo questo pecorino. Buona settimana!.)

    RispondiElimina
  15. proprio una bella idea, adatte anche per una cena in piedi o per un aperitivo...sembrano così stuzzicanti!

    RispondiElimina
  16. Sin dal colore è libidinosa, poi la pasta brisée home made mi stuzzica non poco.
    Peccato per le cipolle di Tropea che qui non sanno neanche cosa siano :D

    RispondiElimina
  17. meravigliosa!!!!ne avrei voglia di una adesso...dato che non ho ho ancora pranzato!!

    RispondiElimina

Grazie per i commenti e consigli, sono sempre ben accetti.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...