giovedì 8 marzo 2012

Manzo in umido con cipolle in agrodolce

Come ho già scritto lo stufato, il bollito, il brasato, lo stracotto rappresentano una sorta di filosofia di vita: la capacità di saper aspettare. Sono metodi di cottura che richiedono tempi lunghi e  riescono a trasformare tagli di carne considerati meno pregiati come il petto o punta di petto, bianco costato di pancia  di manzo, in carne gustosa e tenerissima.
Ho accompagnato il manzo in umido con le cipolle in agrodolce; un classico che apprezzo molto.







Ingredienti:
700 g di carne di manzo per bollito (Petto o Punta di petto, Bianco costato di pancia)
1 carota
1 cipolla
1 costa di sedano
1 spicchio di aglio
1 foglia di alloro
3 bacche di ginepro
2 cucchiai di passata di pomodoro
1 bicchiere di vino rosso di buon corpo
olio extra vergine di oliva
sale
pepe nero


Cipolle in agrodolce:
500 g di cipolle borettane
40 g di aceto di vino rosso
5 g di aceto balsamico
25 g di zucchero
olio extra vergine d'oliva
sale
pepe nero
           

Preparazione:
Si trita a coltello la carota, la cipolla, il sedano e l’aglio. Si mette il tutto in un tegame, si fa soffriggere in olio extra vergine di oliva aggiungendo la foglia di alloro e le bacche di ginepro. Si unisce la carne, si fa rosolare da entrambe le parti, si sfuma con il vino rosso, si sala, si pepa, si aggiunge la passata di pomodoro e l’acqua calda a ricoprire interamente la carne. Si copre con il coperchio e si lascia cuocere a fuoco basso per 3 ore circa, finché il liquido di cottura si ritirerà e si formerà un intingolo.

Si pelano le cipolle e si tengono in acqua fredda per alcuni minuti. In un tegame si versa l’olio con l’aceto di vino rosso, l’aceto balsamico, lo zucchero e un pizzico di sale; si fa sciogliere un po’ lo zucchero si uniscono le cipolle pelate si copre con un coperchio e si fanno cuocere a fuoco basso per 50-60 minuti fino a quando le cipolle risulteranno morbide ed il liquido di cottura sarà denso e caramellato.


A cottura ultimata della carne si taglia a listarelle si trasferisce su un piatto da portata con il suo intingolo e si uniscono le cipolle in agrodolce.












Con questa ricetta partecipo al contest Ti cucino a...fuoco lento del blog Les Madeleines di Proust.









10 commenti:

  1. Che buon sapore deve avere questa tua preparazione
    brava
    felice giorno ciao

    RispondiElimina
  2. Eccoci Fr@,
    siamo passate dai tuoi Cjalsons...
    qui c'è un profumo buonissimo di una ricetta curata..con il tempo necessario per cuocerla a regola d'arte...e poi gustarla.
    B R A V I S S I M A
    E visto che oggi è l'8 marzo AUGURI! (fanno sempre piacere)
    A presto le 4 apine

    RispondiElimina
  3. Fr@ per me la lenta cottura è un comfort food già in se come preparazione, l'idea che il pranzo si stia cuocendo lentamente, mentre mi sto prendendo cura della mia casa piuttosto che di me stessa e comunque mentre sto facendo altre cose che amo fare, beh questo è qualcosa di veramente confortante che mi dà una gran serenità.
    Condivido perfettamente la tua definizione di stile di vita.
    La tua ricetta è perfetta. ben spiegata e rappresentata magnificamente dalle bellissime foto.
    Grazie per avere pensato a me e al mio contest.
    Un caro saluto e buon 8 marzo.

    RispondiElimina
  4. Fr@, una grande ricetta, senza se e senza ma, da rifare a casa per conquistare im commensali, ciao,non so se festeggi, io no, però un fiore ed un pensiero per te :-)

    RispondiElimina
  5. Una ricetta perfetta per questo contest
    in bocca al lupo!

    RispondiElimina
  6. Una ricetta così sa di tradizione, di buono, di cottura lenta e di profumo che si spande per la cucina...favolosa!

    RispondiElimina
  7. Le foto sono da svenimento immediato!! Ci credi che nonostante non sia un' appassionata di carne, questo piatto me lo mangerei anche a quest' ora? La visione di quell' intingolo poi è spettacolare, per non parlare delle cipolline che adoro!! Insomma, uno stufato perfetto!! Un bacio e buon fine settimana...

    RispondiElimina
  8. Anch'io sono un'amante delle lunghe cotture. Mi piace il profumo che si sprigiona gradualmente, vedere gli ingredienti che mano a mano si fondono e nell'attesa, leggere.
    Il tuo stufato, col contorno di cipolle è davvero un piatto prelibato.
    Brava Fra! ^-^
    Baci e buon fine settimana

    RispondiElimina
  9. quante belle ricettine nel tuo blog! complimenti :)
    vale

    RispondiElimina
  10. Questo manzo in umido è da urlo, ha un aspetto così succulento....bravissima come sempre!! :-)
    Bacioni

    RispondiElimina

Grazie per i commenti e consigli, sono sempre ben accetti.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...