venerdì 3 agosto 2012

Lanzardi marinati


Il lanzardo è tra i pesci azzurri che preferisco, ha carni morbide ed è molto saporito; come quasi tutti i pesci azzurri è molto economico il che non guasta. Dopo averlo proposto al cartoccio, oggi lo propongo con una marinatura composta di aceto, origano prezzemolo, capperi e peperoncino. Prima della marinatura li ho infarinati con semola rimacinata di grano duro, poi li ho cotti al forno, ma possono essere fritti, come si preferisce. E’ ottimo anche il giorno dopo.






Ingredienti:
4 lanzardi piccoli
2 cucchiai di capperi sotto sale
2 spicchi di aglio
ciuffo di prezzemolo
alcune foglie di origano fresco o 1 cucchiaino di origano secco
1 peperoncino piccolo
semola rimacinata di grano duro q. b.
mezzo bicchiere di aceto di vino bianco
olio extra vergine di oliva
sale


Preparazione:
In una ciotola di mettono l’olio extra vergine di oliva, l’aceto di vino bianco, il sale, i capperi dissalati sotto l’acqua corrente, il prezzemolo, l’origano, l’aglio e il peperoncino tritati. Si copre e si lascia riposare.
Si eviscerano i lanzardi e si sciacquano sotto l’acqua corrente. Si asciugano, si salano e si pepano e si passano nella semola rimacinata di grano duro. Si depositano su una teglia ricoperta di carta da forno e si unisce un filo di olio extra vergine di oliva. Si mette nel forno caldo a 200° C per 30-40 minuti dipende dal forno, finché i pesci saranno dorati.
Una volta pronti i lanzardi si depositano su un’ampia insalatiera o su una pirofila e si irrorano con la marinata. Si coprono e si lasciano riposare minimo 2 ore.







11 commenti:

  1. bravissima! adoro il lanzardo! quello che hai preparato è praticamente un carpione ma anzichè fritti li hai cotti in forno, quasi quasi te lo rubo per le acciughe che dici? o me le fai tu? :-))
    ciao
    cris

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In questo modo faccio anche le alici. Sono ottime.

      Elimina
  2. che meraviglia Fr@, mi ero dimenticata di farli, ma domani provvedo, io in questo modo ci faccio pure le alici e il baccalà, è uno di quei piatti con cui mangio una pagnotta di pane....stupendi....baci

    RispondiElimina
  3. scusa la mia ignoranza....lanzardi a Trieste sconosciuti ma il pesce che vedo l'ho già visto e da noi è lo "sgombro" sono andata a curiosare qui....
    ...http://www.portaleittico.abruzzo.it/prodotti.php?CodiceProdotto=26

    Purtroppo lo stesso pesce in altre regioni viene chiamato in modo diverso...le alici da noi a Trieste sono "sardoni" nulla a che fare con le "sarde o sardelle".
    E' uno dei pesci che adoro per il suo sapore ed in tutte le maniere.
    Ho proprio dei sgombretti nel congelatore puliti e domani li faccio fitti (aperti a libro) farina-uovo-pane grattuggiato accomopagnati da un insalatina ma anche ai ferri sono squisiti.
    Ciaoooo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fa parte della stessa famiglia degli sgombri, ma non è lo sgombro. Anch'io amo gli sgombri e le alci.

      Elimina
  4. Sa di mare e d'estate! mi piace! buona giornata

    RispondiElimina
  5. Ti assicuro che sento il profumino delizioso da qui!! Fantastico il pesce azzurro e cucinato così è una favola :-) Baci!

    RispondiElimina
  6. Mi piace la proposta con la marinatura, si vede che sono proprio deliziosi!
    Un bacio e buon fine settimana

    RispondiElimina
  7. Ti rubo questa ricetta...userò la marinatura per i prossimi pesci azzurri che troverò al mercato! :)
    Baci cara!

    RispondiElimina
  8. Un secondo di psce molto gustoso.Complimenti.

    RispondiElimina
  9. Che buoni devono essere! La marinatura gli deve dare quel qualcosa in piu'!

    RispondiElimina

Grazie per i commenti e consigli, sono sempre ben accetti.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...