giovedì 6 settembre 2012

"Quanti modi di fare e rifare..." La focaccia dolce della sciùra Maria


Riprendiamo dopo la pausa estiva l’appuntamento con Quanti modi di fare e rifare... questo mese siamo andati nella cucina di Vittoria del blog Semplice Semplice con uno dei suoi dolci preferiti da quando era bambina La focaccia dolce della sciùra Maria.
Vittoria racconta che la signora Maria “è una bellissima donna ultraottantenne, con dolci occhi sinceri e un limpido viso” che gestisce un panificio, dove sforna pane e dolci da più di 50 anni. Tra i dolci c’è questa focaccia di pasta di pane arricchita di mele e uvette ed è ricoperta da fiocchi di burro e zucchero per avere “la crosticina caramellata”.
Ho fatto delle piccole modifiche negli ingredienti e nel procedimento, per il resto ho seguito la ricetta.







Ingredienti per una teglia 26x37:

325 g di farina 00 (la ricetta originaria indica 175 g di farina 0 e 175 g di farina 00)
25 g di farina di riso (1 cucchiaio circa)
5 g di lievito secco o 15 g di lievito di birra fresco
1 cucchiaino di zucchero
mezzo cucchiaino di sale
un cucchiaio di olio extra vergine di oliva (più quello per ungere la teglia)
110 ml di acqua
1 mela golden (100 g circa)
70 g di uvetta

Per la superficie:
50 g di burro
2 o 3  cucchiai di zucchero semolato


Preparazione:
In un  bicchiere ho unito il lievito secco con 50 g di acqua appena tiepida e il cucchiaino di zucchero, ho lasciato attivare il lievito per 5 minuti circa.
Nella planetaria ho messo metà della farina miscelata con la farina di riso, ho aggiunto il lievito disciolto e ho amalgamato; ho aggiunto gradatamente la restante farina, 30 g di acqua, l’olio extra vergine di oliva ed infine il sale. Ho fatto impastare con la macchina impastatrice per 20 minuti circa (10 minuti con la frusta a foglia e altri 10 minuti con il gancio aspirale). Ho unito la mela tagliata a pezzettini piccoli alternandola con l'acqua (30 g) e controllando quanto liquido richiedeva l'impasto tenendo conto dell'umidità della mela, poi ho aggiunto l'uvetta ammollata e strizzata. Ho fatto impastare con la macchina impastatrice per 10 minuti circa. Ho tolto l’impasto dalla planetaria, e l’ho messo sulla spianatoia, ho piegato prima a metà la pasta e poi ho ripiegato ancora  a metà per dargli forza, l’ho arrotondata e l’ho messa a lievitare in un’ampia ciotola unta d’olio, fino al raddoppio di volume (1 ora e mezza circa).

Trascorso il tempo ho steso l’impasto su una teglia rettangolare unta di olio extra vergine di oliva ed ho cosparso la superficie di burro a tocchetti e zucchero semolato, ho lasciato lievitare per 1 ora circa.

Ho infornato nella parte bassa del forno a 250°C per 5 minuti e poi nella parte centrale a 200°C per 20-25 minuti circa fino alla caramellatura della superficie. Una volta cotta si sforna e si mette su una grata a raffreddare.







Quanti modi di fare e rifare...




Appuntamento al 6 Ottobre con









20 commenti:

  1. Buongiorno Fr@, che bello, dopo la pausa estiva, esser tornate a spignattare insieme con una focaccia veramente ottima, che profuma di casa, di tradizione e ricordi..! Grazie per la tua bellissima e golosa versione!! Alla prossima a casa delle simpatiche Apine :-)
    La Cuochina

    RispondiElimina
  2. Che buona vero? Non sono riuscita nemmeno a farla raffreddare...ho dovuto assaggiarla ancora tiepida...una delizia!

    RispondiElimina
  3. L'appuntamento di oggi me l'ero dimenticata ma questa focaccia non posso perdermela. Profuma di casa e di buono. Un bacio, buona giornata

    RispondiElimina
  4. buonissima la focaccia dolce, da piccola la mangiavo spesso, però solo con lo zucchero sopra, devo dire che questa versione è davvero top. brava

    RispondiElimina
  5. sto seguendo il profumo di questa focaccia :-)

    buona buona

    RispondiElimina
  6. La blogsfera è invasa dai profumi di questa focaccia dolce. Troppo buona!!! Bravissima

    RispondiElimina
  7. Per adesso solo grazie, passo dopo a leggere tutto con attenzione.
    Baci

    RispondiElimina
  8. Ben ritrovata cara Fr@, finalmente rieccoci nella cucina della Cuochina :-)
    Meravigliosa anche la tua versione, da provare con la farina di riso!!
    Grazie e buona giornata

    RispondiElimina
  9. da provare con la farina di riso! questa è la prima che sbircio :) ottima! ciao cara!

    RispondiElimina
  10. Uh Là Là: leggo della farina di riso (tra l'altro)! Mi sento a casa!

    RispondiElimina
  11. ti è venuta proprio bene...ma la farina di riso che cosa apporta? Forse è più rustico l'impasto? bacioni elena

    RispondiElimina
  12. Mamma mia che bontà questa focaccia, l'aspetto è divino!

    RispondiElimina
  13. voglio provarla anche io con la farina di riso, ogni volta che l'ho usata mi ha dato dolci ancora più fragranti. complimenti per la magnifica realizzazione, un abbraccio

    RispondiElimina
  14. Ciao! bello il tuo blog, ricco di ricette e spunti creativi!
    Mi unisco fra i tuoi sostenitori per non perdermi le tue prossime realizzazioni!
    Ti aspetto da me, se ti va, per condividere tante nuove idee culinarie!
    A presto!

    RispondiElimina
  15. Ciao fra@, deliziosa anche la tua versione!
    Buona serata

    RispondiElimina
  16. Fra la tua versione mi piace molto,credo che la farina di riso la renda più soffice, mi piace perché è molto simile alle focacce che si fanno in toscana, la schiaccia con l'uva nera, quella che si fa adesso e altre schiacce salate e dolci, la proverò presto....un abbraccio

    RispondiElimina
  17. Che bonta anche la tua versione.
    Buona idea l'aggiunta della farina di riso, però difficilmente reperibile qui...Brava!

    RispondiElimina
  18. L'altezza dà proprio il senso di "focacca". Penso che il segreto sia proprio trovare la teglia della giusta grandezza.
    Lo zucchero semolato in superficie fa venire voglia di tuffarcisi sopra :D
    Un abbraccio

    RispondiElimina

Grazie per i commenti e consigli, sono sempre ben accetti.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...