mercoledì 6 marzo 2013

Quanti modi di fare e rifare la pastiera di maccheroni


Questo mese con l’iniziativa di Quanti modi di fare e rifare siamo andati in Germania da Francesca, per fare il dolce della festività di Pasqua preferito da suo nonno: la pastiera di maccheroni. E’ un dolce tipico di alcune zone della Campania fatto con la pasta, i maccheroni, zucchero, uova, cedro candito e qualche aroma. Pochi ingredienti, ma molto sostanzioso e ricco.








Ho ridotto le dosi, per la ricetta originale rimando al blog Voglio vivere così
Ingredienti per una stampo da crostata 23.5x4.5:
100 g di spaghetti 
200 ml di latte            
200 g di zucchero   
2  uova           
20 g di sugna (burro)      
20 g di cedro candito (canditi)   
acqua di fiori d'arancio
sale grosso

Per ungere la teglia
10 g di sugna (burro)
1 cucchiaio scarso di farina 00

Guarnizione:
zucchero a velo


Preparazione:
Si cuociono gli spaghetti nell'acqua leggermente salata; una volta cotti si scolano lasciando una parte di acqua di cottura per coprirli. Si trasferiscono in un recipiente, si aggiunge il latte, la sugna (burro), lo zucchero, le uova sbattute, i canditi e l’acqua di fiori d'arancio.
Si trasferisce in una teglia unta di sugna (burro) e spolverata di farina. Si fa cuocere a 200° C per 1 ora (1 ora e mezza).
L’ho lasciata raffreddare è ho spolverato con zucchero a velo.











Quanti modi di fare e rifare...



Appuntamento al 6 aprile con





Babà che bontà






25 commenti:

  1. che bella che ti è venuta complimenti

    RispondiElimina
  2. Ha un aspetto più che invitante, bella ricetta!!

    RispondiElimina
  3. Buon giorno Francesca e ben ritrovata!

    Oggi nelle nostre bellissime cucine aleggiano profumi fioriti ed deliziosi aromi pasquali!
    Che meraviglia anche la tua versione della Pastiera di maccheroni, grazie per averla preparata con noi!
    Colgo l'occasione per augurare a te e famiglia una buona Pasqua.
    Ti ricordo il prossimo appuntamento, da non mancare assolutamente, del 6 di aprile con gli Strangula prievet' di Spery.
    Un abbraccio

    Cuochina

    RispondiElimina
  4. Mi piace molto la pastiera con la sua bella spolverata di zucchero a velo!!! buonissima!!

    RispondiElimina
  5. Dev’essere buonissima, ha un aspetto davvero goloso. Un bacio, buona giornata

    RispondiElimina
  6. bella Fra, quello zucchero a velo la rende molto più bella delle nostre, perché non pensarci... un caro abbraccio

    RispondiElimina
  7. A noi è piaciuta tanto questa pastiera insolita, e a voi?
    Buona giornata

    RispondiElimina
  8. E anche questa versione è proprio bella! E poi lo ZAV gli da quel tocco in più.... :-)

    RispondiElimina
  9. Buonissima! Chissà che profumooo!
    Complimenti!

    http://lemilleunapassione.altervista.org/

    RispondiElimina
  10. La spolveratina di zucchero a velo ci sta propro bene :) ciaooo

    RispondiElimina
  11. Bravissima!! Ti èvenuta davvero bene e capisco la necessità di ridurre le dosi..
    A presto!

    RispondiElimina
  12. Anch'io penso che la dose adatta sia questa, purtroppo adesso non ci sono più le famiglie molto numerose che si ritrovano a tavola tutti insieme.
    Bellissima anche la tua versione.
    Baci :)

    RispondiElimina
  13. Propio bella , complimenti ciao ciao

    RispondiElimina
  14. Anche questa è una splendida Pastiera.
    Ciao.

    RispondiElimina
  15. Ma è un dolce?????? Pazzesco chissà che buono non lo conoscevo!!!!!! Un bacione

    RispondiElimina
  16. Da napoletana doc si dice che sia nato nel monastero di Santa Chiara, e qui mi fermo perché non l'ho mai mangiata. La tua ha un aspetto delizioso!

    RispondiElimina
  17. Spero ti sia piaciuta io ho provato a farla piccola ma non ci sono riuscita....Splendida la tua versione
    Fra

    RispondiElimina
  18. Buonissima anche la tua pastiera e bella bella bella! bacio a presto

    RispondiElimina
  19. Ciao Francesca,
    che golosità quel candito che fa capolino...
    Buona Pasqua!

    RispondiElimina
  20. Che golosa la tua pastiera cara Francesca!! Anch'io l'ho ridotta di dose, me ne sono pentita..ma al primo boccone ho pensato meno male che è piccola altrimenti chissà quanta ne avrei mangiata!! Un abbraccio

    RispondiElimina
  21. Ciao Fra, buona vero? Complimenti per le foto...bellissime!

    RispondiElimina
  22. Incredibili donne di "fare e rifare" mi fate conoscere piatti di cui neanche sapevo l'esistenza ! questo dolce è goloso e sa di tradizioni antiche... complimenti ! un abbraccione !!!

    RispondiElimina
  23. Questo piatto mi ricorda mia nonna, napoletana... :-)

    RispondiElimina
  24. Piatto ricco mi ci ficco!! Fantastico

    RispondiElimina

Grazie per i commenti e consigli, sono sempre ben accetti.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...