giovedì 6 giugno 2013

Quanti modi di fare e rifare i Canederli verdi



Questo mese per l’iniziativa Quanti modi di fare e rifare siamo andati da Antonella per fare con il marito originario di Cortina d’Ampezzo i Canederli verdi.
I canederli è un piatto povero molto antico come è attestato nell’affresco della piccola cappella romanica del Castel d’Appiano, Missiano, Appiano sulla Strada del Vino (Bolzano), che risale al primo decennio del XIII. Nella parte in basso a destra della scena della Natività appare una donna seduta intenta a mangiare un canederlo.
Nella ricetta originaria ci sono gli spinaci, io li ho sostituiti con cicoria che mi piace molto e ho aggiunto il Montasio.







Ingredienti:
300 g di cicoria (pulita)       
2 fette di pane raffermo
2 cucchiai di farina        
1 uovo                           
80 g di Montasio
40 g di parmigiano
60 g di burro
1 spicchio di aglio
sale

Preparazione:
Si lessa la cicoria, si scola, si strizza e si frulla in un mixer con lo spicchio di aglio.
Si taglia a dadini il pane si mette in una ciotola con un po’ di acqua e si riduce in poltiglia, si aggiunge la cicoria frullata,  il Montasio tagliato a dadini, il parmigiano, l’uovo e la farina. Si mescola l’impasto che deve risultare compatto e sodo. (L’ho lasciato riposare per 15 minuti).
Con le mani inumidite si formano delle palle che possono andare dalle dimensioni di una pallina da golf a quella da tennis.
Si porta ad ebollizione abbondante acqua salata e si buttano i canederli, quando salgono a galla saranno pronti, circa 15 minuti. Nel frattempo si fa scioglier il burro.
Una volta pronti i canederli si prendono con una schiumarola, si depositano su un piatto e si condiscono con il burro fuso e il parmigiano grattugiato.









Quanti modi di fare e rifare...



Appuntamento al 6 luglio con



Galantina di pollo aromatizzata al basilico
Stegnat de polenta







26 commenti:

  1. che buoni i canederli...sai che non li ho mai fatti? Urge recuperare il tempo perso...... ;)

    RispondiElimina
  2. Non immaginavo che avessero una tradizione così antica. Sarà che ho un debole profondo per la cicoria, ma i tuoi canederli devono essere speciali :) Un bacio, buona giornata

    RispondiElimina
  3. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  4. wow con la cicoria?? bellissima idea complimenti

    RispondiElimina
  5. li mangerei con gli occhi per quanto sono golosa di canederli!
    complimenti!
    bacione cara

    RispondiElimina
  6. Complimneti sono squisiti ed hai avuto in idea brillante ad usare la cicoria ciao Luisa

    RispondiElimina
  7. anche a me piacciono di più i tuoi, preferisco la cicoria agli spinaci e li rifarò con la cicoria...un abbraccio

    RispondiElimina
  8. caspita quanti spunti, cicoria e montasio li adoro!

    RispondiElimina
  9. nn sapevo fosse così antico! ottimi anche cn la cicoria!

    RispondiElimina
  10. Anche qui un'erba spontanea, complimenti per l'idea!!!
    Alla prossima...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e naturalmente anche per la ricetta.

      Elimina
  11. Devono essere semplicemente favolosi anche con cicoria e Montasio! Che bello anche l'affresco, grazie per avercelo segnalato! Un abbraccio cara Fr@

    RispondiElimina
  12. Sono invitanti all'ennesima potenza!!!!!!!!!!!! E il tocco del Montasio.... Complimentissimi!!

    RispondiElimina
  13. Mai me li sarei immaginati in un affresco.... provero` anche io a farli verdi magari con un erba spontanea....perfetti i tuoi...
    francesca

    RispondiElimina
  14. Mi piace l'idea della cicoria, copierò la prossima volta! baci a presto

    RispondiElimina
  15. Anche la tua versione cicoria-motasio è gustosissima!
    Ciao e alla prossima!

    RispondiElimina
  16. Caspita! Tondi perfetti...con la cicoria poi,molto particolari!Anche io adoro la cicoria e penso che azzardero' questo connubio!Grazie per avermi erudito sul quadro che ritrae la donna che mangia il canederlo!Non lo conoscevo proprio.E poi ho visto che ti sei cimentata anche nella versione con lo speck...bellissimi pure quelli! complimenti anche da parte di Rino per aver condiviso la sua ricetta

    RispondiElimina
  17. Molto buoni anche i tuoi canederli cara Fr@! Chissa che sapore al Montasio!

    RispondiElimina
  18. Che bello quell'affresco, grazie cara Francesca.
    Sembra che la donna li prenda direttamente dalla padella, dopo averli fatti insaporire.
    La cicoria, cosa mi proponi mai...... cicoria e purè di fave, quante volte li ho mangiati da piccola, che bei ricordi!!!
    L'unione dei sapori dei tuoi canederli mi piacce moltissimo :)

    RispondiElimina
  19. wow con la cicoria, e grazie per le informazioni artistiche ...non le conoscevo e queste notizie mi appassionano tanto se passerò ad Appiano quest'estate so dove andare...grazie!

    RispondiElimina
  20. Che idea geniale! I canederli con la cicoria!!! Bravissima Fra!
    Un bacio

    RispondiElimina
  21. deliziosi mi fanno venire in mente la montagna la neve la settimana bianca!
    baci
    Alice

    RispondiElimina
  22. Ah i canederli!!!!Li devo rifare.....
    Un abbraccio e buona domenica a te.

    RispondiElimina
  23. Li adoro!!!
    Che buoni col Montasio! :)
    Buona domenica!

    RispondiElimina
  24. Mi scuso per il ritardo con cui passo a trovarti e a farti i complimenti per la tua versione con la cicoria ed il montasio. Bravissima!
    Grazie per il racconto del dipinto nella chiesa di Appiano.
    Buon fine settimana e a rileggerci presto

    RispondiElimina

Grazie per i commenti e consigli, sono sempre ben accetti.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...