venerdì 20 dicembre 2013

Pasticciotti(ni)



Il pasticciotto è un dolce tipico del Salento leccese composto di una pasta frolla fatta con lo strutto, e farcito di crema pasticcera. La forma caratteristica è ovale, ma nei caffè pasticceria li ho trovati anche nelle forme tonde o a torta unica.
Deriva probabilmente dalla torta di pasta frolla farcita con ricotta zuccherata ed altri ingredienti che erano privilegio esclusivo della cucina aristocratica e curiale salentina. Tanto che nell’archivio della Curia Vescovile di Nardò vi è un inventario redatto nel 1707 in occasione della morte di Monsignor Orazio Fortunato che, tra le masserizie, elenca: “…barchiglie di rame da far pasticciotti numero otto…”; poi con il tempo è diventato il dolce comune per i salentini ed è consumato in diverse occasioni da quelle liete a quelle più tristi.
Il vero centro del pasticciotto, però, è Galatina che dalla prima metà del Settecento fino ad oggi nell’antica pasticceria Ascalone situata nel cuore del centro storico, ne tramanda la tradizione.
Per esaltarne il sapore il pasticciotto andrebbe gustato con una tazza di cioccolata calda o granita al caffè.


Fonti:




 



 Non avendo le caratteristiche formine ovali ho utilizzato delle formine tonde non tanto grandi. Ho seguito la ricetta della pasta frolla che indica di usare, secondo tradizione, lo strutto e di far riposare la pasta frolla per un’intera notte. Li ho spolverati con lo zucchero a velo, ma in quelli originali non c’è lo zucchero a velo.


Per la ricetta rimando - qui -


Ingredienti per 18 formine di 5 cm:
500 g di farina 00      
250 g di zucchero
200 g di strutto
4 tuorli d’uovo
1 limoni la scorza grattugiata
un pizzico di sale
mezzo cucchiaino di bicarbonato di ammonio
1 bustina di vanillina  (semi di mezzo baccello di vaniglia)


Crema pasticcera, per la farcia
500 ml di latte
4 tuorli d’uovo
160 g di zucchero
70 g di farina 00  (fecola di patate o amido di mais)
mezzo limone la scorza grattugiata


Per ungere gli stampini
strutto q.b.
farina q.b.

Zucchero a velo (aggiunta)



Preparazione:
Si dispone la farina a fontana, si mette nel centro lo zucchero, lo strutto, le uova, la scorza del limone e la vaniglia. Si amalgamano gli ingredienti con la punta della dita e poi si incorpora la farina lavorando il tutto velocemente, fino ad ottenere una pasta frolla liscia ed omogenea. Si forma un panetto si ricopre con pellicola trasparente e si ripone in frigo a riposare per una notte.

Per la crema pasticciera della farcia. Si fa bollire il latte con lo scorza del limone, si lascia intiepidire. Nel frattempo si montano i tuorli con lo zucchero, poi si unisce la farina o la fecola di patate o l’amido di mais e si continua a mescolare. Una volta ottenuto un composto omogeneo, si aggiunge a filo il latte sempre girando. Si mette sul fuoco a temperatura bassa e si gira con un cucchiaio di legno fino a che la crema si addensa un po’, non deve essere troppo densa. Si lascia raffreddare, deve essere utilizzata fredda.


Passato il tempo di riposo della frolla si divide in parti la pasta si stende con il mattarello e si riverste le tradizionali formine in metallo a forma ovale oppure tonde preventivamente unte con lo strutto e infarinate. Si bucherella il fondo con un forchetta e si pone la crema pasticcera fredda e si ricopre con un altro strato di pasta frolla più sottile. Si fa una pressione con le dita lungo il bordo per sigillarli e si  spennella con uovo (io con la chiara dell’uovo) leggermente sbattuto. S’inforna a 180-200°C  per 20 minuti circa dipende dal forno, comunque fino ad ottenere una colorazione dorata della superficie.  Una volta freddi si sfornano dagli stampi, io li ho spolverati con lo zucchero a velo, ma in quelli originali non c’è.





§§§



Buone Feste!












30 commenti:

  1. li ho assaggiati questa estate e li ho trovati favolosi.....questi tuoi sono perfetti e golosissimi!

    RispondiElimina
  2. Con una crema pasticcera all'interno??? mamma mia.. mi piacerebbero da matti.. :-) baci e buon w.e.

    RispondiElimina
  3. qualunque forma abbiano sono golosissimi !

    RispondiElimina
  4. Un'autentica delizia, bravissima!!! Un abbraccio e tanti auguri di buone feste

    RispondiElimina
  5. Fra, adoro i pasticciotti, sono una delizia, ho una pasticceria pugliese vicino casa e mi fermo spesso...auguri carissima, un abbracco

    RispondiElimina
  6. Favolosi, appena passano le feste, dopo un po' di dieta, provo a farli, grazie!
    bacioni

    RispondiElimina
  7. Buonissimi! questi li conosco! anche se non li ho mai preparati, li ho visti e letti in giro varie volte e ho sempre avuto la voglia di prepararli... complimenti alla tua versione,davvero invitante fra:) un bacione cara:**

    RispondiElimina
  8. Io davanti a questo tipo di dolci rimango incantata per due motivi: la frolla la adoro e il ripieno di crema mi fa impazzire. Capisco l'utilizzo dello strutto nel senso che una volta feci i cannoli e nella pasta misi lo strutto... tutta un'altra leccornia. Quindi grazie per questa preziosissima ricetta. E poi io per le tradizioni.... non posso farci niente. Ho letteralmente un debole. Buon Natale se non riusciamo a incontrarci prima!!!

    RispondiElimina
  9. Li facciamo anche noi a Napoli e sono deliziosi! Un bacio

    RispondiElimina
  10. Fovolisi e golosi. Questa tua è davvero una grande ricetta!

    RispondiElimina
  11. Devono essere deliziose. Faccio spesso la frolla con lo strutto e la trovo buonissima. Quindi ne immagino la bontà. Auguri di un sereno Natale.

    RispondiElimina
  12. Ovale o tondo che sia...lo trovo irresistibile! :)
    Un bacione Fra! ciao

    RispondiElimina
  13. Ti garantisco (ma volessi potrei anche documentartelo) che li apprezzerei molto anche senza l'ausilio della cioccolata calda o della granita al caffè ; ))

    RispondiElimina
  14. Possiamo dire quello che vogliamo ma i dolci con lo strutto sono tutta un'altra cosa......buonissimi!!!!
    Complimenti per i bellissimi pasticciotti e tanti auguri di un sereno Natale.

    RispondiElimina
  15. Li conosco, sono buonissimi, i tuoi poi sono molto invitanti!!
    Tantissimi Auguri di Buon Natale!!!!

    RispondiElimina
  16. Buoniiiii altro che ...ini. Buon Natale a te e Famiglia.

    RispondiElimina
  17. ritorno per augurarti Buone Feste! Ti abbraccio!

    RispondiElimina
  18. ho sentito spesso parlare di questi deliziosi dolci ma non li ho mai preparati, meno male che li hai preparati tu così seguirò la tua ricetta, Buon Natale e Felice Anno Nuovo, un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  19. Questi pasticciotti attraversano un po' diverse tradizioni al sud, ne ho assaggiati di siciliani e sono golosissimi ! complimenti ! Auguri di cuore anche a te per un sereno Natale ! Buone feste !!!

    RispondiElimina
  20. Con la bocca piena di un bel pasticciotto,ti faccio i miei più sinceri auguri!Buon Natale tesoro a te e ai tuoi cari!

    RispondiElimina
  21. tanti auguri di Buone Feste!!!! un bacione grande!

    RispondiElimina
  22. io adoro la tua cucina FRANCESCA, la adoro e tu sei perfetta.
    buon Natale tesoro
    Sandra

    RispondiElimina
  23. Buon Natale Francesca, tanti auguri
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  24. Mi metto tardi al Pc in questo giorno gioioso in cui ci si riunisce con gli affetti più cari e non potevo non passare anche se tardi ad augurarti Buon Natale!!!!
    un abbraccio
    Alice

    RispondiElimina
  25. Fantasica, deve essere una delizia!!! Buone feste cara, un abbraccio forte!

    RispondiElimina
  26. Sono golosissimi, li mangerei tutti! Tanti auguri per un Felice 2014!

    RispondiElimina

Grazie per i commenti e consigli, sono sempre ben accetti.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...