mercoledì 31 luglio 2013

Insalata cilena



Liberamente tratta  da una ricetta di Afrodita di Isabel Allende. La scrittrice di questa insalata scrive  che è “Molto semplice, si prepara con due ingredienti afrodisiaci: pomodoro e cipolla”.


Insalata cilena



Ingredienti:
2 cipolle di media grandezza
3 pomodori
peperoncino verde (chile) piccante fresco
2 ciuffi di prezzemolo fresco
olio extravergine di oliva
aceto bianco
sale
pepe nero


Preparazione:
Si taglia la cipolla a fettine sottilissime e si lasciala ammorbidire in acqua calda e qualche goccia di aceto per mezz'ora. Si scola e si asciuga con carta assorbente. Si tagliano i pomodori a spicchi. Si taglia il peperoncino, si mescola con la cipolla e il pomodoro, poi si condisce con sale, pepe e olio extra vergine di oliva. Si aggiunge il prezzemolo tagliato grossolanamente.






lunedì 29 luglio 2013

Involtini con rucola



Involtini di carne che contengono la rucola ripassata in padella. Per un secondo abbastanza veloce e al contempo gustoso.



Involtini di carne con rucola





Ingredienti:
4 fettine di manzo o di vitello
1 mazzetto di rucola
1 bicchiere di vino bianco secco
1 cucchiaio raso di farina di riso o fecola di patate o maizena
1 spicchio di aglio
peperoncino
olio extra vergine di oliva
sale

Preparazione:
Si lava bene la rucola e si fa scottare in padella con olio extra vergine di oliva, aglio e peperoncino.
Si batte la carne con batticarne per renderla sottile, su ogni fetta si mette un po’ di rucola ripassata, si arrotola e si chiude con uno stuzzicadenti.
In una larga padella si versa un filo di olio extra vergine di oliva, si fa scaldare e si uniscono gli involtini; si fanno dorare da tutti i lati, si sfuma con metà bicchiere di vino bianco. Si copre e si fa cuocere per 15 minuti circa. Si tolgono gli involtini, si mettono da parte, sul fondo di cottura si versa il resto del vino, si fa evaporare e poi si versa la farina di riso, quando il fondo di cottura si è addensato si uniscono gli involtini messi da parte e si fanno insaporire per alcuni istanti.
Li ho serviti su un letto di insalata a taglio.




Interno Involtini di carne con rucola







venerdì 26 luglio 2013

Polpette di totani al sugo



Per queste polpette di totani ho preso ispirazione da  qui, al posto dei calamari ho utilizzato i totani e ho aggiunto altri ingredienti. Sono molto gustose.



Polpette di totani al sugo con pinoli capperi e olive



Ingredienti:
500 g di totani
500 g di pomodori pelati
200 g. pangrattato
40 g di parmigiano grattugiato
20 g di pinoli
2 cucchiai di olive verdi denocciolate
1 cucchiaio di capperi sottosale poi dissalati
1 uovo grande
1 spicchio di aglio
mezzo bicchiere di vino bianco secco
olio extravergine d’oliva
sale
peperoncino
origano


Preparazione:
Si puliscono i totani e si tagliano a pezzi, si mette in un mixer si aggiungono le olive, i capperi dissalati, i pinoli si frulla il tutto per alcuni secondi, non deve essere una poltiglia, ma pezzi piuttosto grossolani.
Si mette il tutto in una terrina, si aggiunge il pangrattato, il parmigiano, l’origano, un pizzico di sale e peperoncino. Si amalgama e si aggiunge l’uovo e un po’ di olio extra vergine di oliva. Si lavora il tutto il composto. Si prende una parte e si dà la forma sferica di una polpetta.

In una grande padella si fa soffriggere l’aglio nell’olio extra vergine di oliva e il peperoncino. Si aggiungono le polpette, si fanno rosolare; si sfuma con il vino bianco, si aggiungono i pelati, si copre e si lascia cuocere per 20 minuti circa.





mercoledì 24 luglio 2013

Piadine con braciole di coppa di suino e salse di yogurt e peperone



Ho fatto le piadine e le ho riempite con braciole di coppa di suino tagliate e pezzetti, e le ho condite con foglie di insalata e salse di yogurt e peperone.



Piadine con braciole di coppa di suino e salse di yogurt e peperone



Per la piadina ho seguito la ricetta di Marina La tarte Maison
Ingredienti:
500 g di farina 0
100 g di strutto
120 ml circa di acqua tiepida
un cucchiaino raso di bicarbonato
un cucchiaino raso di sale

Preparazione:
Si setaccia la farina, si fa una fontana e intorno alla fontana si distribuisce il sale e il bicarbonato. Si mette nel centro lo strutto a pezzetti, si aggiunge un po’ di acqua tiepida, si incorpora poco a poco con la farina e l’acqua; si lavora fino a che il composto sarà sodo (circa 10 minuti). Si lascia riposare per un’ora coperto.
Trascorso il tempo si divide l’impasto in sei parti. Si stende con il mattarello ogni parte piuttosto sottilmente. Si scalda bene il testo e si cuoce ogni piedina da un lato e dall’altro.



Ripieno

Ingredienti:
4 braciole di coppa di suino
mezzo bicchiere di vino bianco secco

olio extra vergine di oliva
sale
pepe nero

foglie di insalata

Preparazione:
Si tagliano le braciole di coppa di suino a pezzetti non tanto grandi; si mettono in una padella con un filo di olio extra vergine di oliva. Si fanno rosolare, si sfumano con il vino e si fanno cuocere per altri minuti devono risultare croccanti, si sala e si pepa.




Salsa al peperone rosso

Ingredienti:
2 peperoni rossi
1 spicchio di aglio
olio extravergine di oliva
sale
peperoncino


Preparazione:
Si tagliano i peperoni a listarelle; si mettono in una padella con un filo di olio extra vergine di oliva, lo spicchio di aglio, il peperoncino e il sale grosso. Si copre con un coperchio e si fanno cuocere per circa 10 minuti.
Si mette il tutto in un mixer per ridurlo in salsa.



Salsa allo yogurt

Ingredienti:
125 grammi di yogurt intero
1 spicchio d’aglio
mezzo cetriolo
1 cucchiaio e mezzo di olio extra vergine di oliva
mezzo cucchiaio di succo di limone
sale
pepe nero
zenzero

Preparazione:
In un mixer si mette il cetriolo, l’aglio, il succo di limone e l’olio extra vergine di oliva. Si frulla il tutto, si mette in una ciotola e si aggiunge lo yogurt, il sale e il pepe nero e lo zenzero, si mescola fino ad ottenere un composto omogeneo.



Assemblaggio:
In ogni piadina si mette un po’ di salsa di peperone, salsa di yogurt, la foglia di insalata, i pezzetti di braciola di coppa di suino e altra salsa di peperone e di yogurt. Si arrotola il tutto. 







§§§



 Oggi sono ospite nella rubrica Blogs Got Talent! di Chiara del blog La voglia matta













lunedì 22 luglio 2013

Spaghetti con alici, pomodori, sedano e melanzana

Giuseppe De Nigris, Gatto sospettoso di genepesca

Giuseppe De Nigris, Gatto sospettoso di genepesca








Ho preso spunto da questo quadro ottocentesco del pittore pugliese Giuseppe De Nigris, che ritrae un gatto che si avvicina titubante su un piatto di alici, in secondo piano appaiano un cesto con spaghetti, pomodori, melanzane e sedano. Ecco gli ingredienti per questo primo piatto.










Spaghetti con alici, pomodori, sedano e melanzana





Ingredienti:
400 g spaghetti
500 g di alici fresche
1 melanzana grande
3 pomodori ramati
1 gambo di sedano
olio extra vergine di oliva
sale
peperoncino



Preparazione:
Si puliscono le alici, privandole della testa delle interiora e della lisca. Si lavano per bene sotto l’acqua corrente.
Si taglia la melanzana a dadini abbastanza piccoli; si taglia il sedano a pezzettini così come i pomodori in precedenza privati dalla buccia.
In una teglia si mette un filo di olio extra vergine di oliva e il peperoncino, si fa riscaldare e si aggiunge il sedano si fa scottare per alcuni minuti poi si aggiunge la melanzana tagliata a tocchetti si fa andare per alcuni minuti in modo da renderla croccante, poi si aggiungono i pomodori taglia ti a pezzetti e un pizzico di sale. Si fa cuocere per circa 5-8 minuti.
In una padella a parte si fa scaldare un filo di olio extra vergine di oliva, si aggiungono le alici e si fanno cuocere per alcuni minuti, poi si aggiungono alle melanzane.
Si fa cuocere la pasta in abbondante acqua calda e salata, si scola e si aggiunge alle melanzane e alle alici si fa saltare per qualche minuto in modo da insaporirla.








venerdì 19 luglio 2013

Tiella alla barese “Pataterisoecozze”



La tiella di riso patate e cozze è un piatto simile alla paella valenciana, anche se qualsiasi barese direbbe che è molto più buona. Si prepara sovrapponendo in una casseruola - la tiella, appunto - strati di riso, di cozze, di patate, di zucchine, pomodori freschi a pezzi, acqua di lavaggio delle cozze, utilizzando un condimento di olio, pepe, cipolle tritate e prezzemolo anch'esso tritato. Il tutto va tenuto in forno per una cinquantina di minuti e il risultato non è affatto garantito, se non si è baresi da almeno quattro generazioni.

Gianrico Carofiglio, Le perfezioni provvisorie, Sellerio, 2010


 Per questo caposaldo della cucina pugliese ho preso spunto da un brano de Le perfezioni provvisorie del barese Gianrico Carofiglio, dove ambienta le storie del suo protagonista l’avvocato Guido Guerrieri - amante de “la musica, i libri e le surreali conversazioni con il sacco da boxe, nel soggiorno di casa”- a Bari.
Il brano rileva i pensieri del protagonista prima di assaggiare la Tiella cucinata da un cuoco tedesco. Come scrive Carofiglio il risultato non è garantito, soprattutto se non si è baresi da almeno quattro generazioni; infatti non è un piatto semplice da preparare per i non baresi. La difficoltà sta nel trovare la giusta proporzione tra gli ingredienti che rispettano la tradizione (Patate, Riso e Cozze o più precisamente “Pataterisoecozze” tutto attaccato) e i propri gusti.
Come si sa per ogni ricetta tradizionale ci sono tante varianti quante sono le famiglie. Ho cercato di rispettare il più possibile i consigli di Ornella.





Tiella alla barese Patate riso cozze




Ingredienti:
500 g di cozze
100 g di di riso Arborio
2 patate a pasta gialla grandi
1 cipolla bianca media
1 ciuffo di prezzemolo
1 spicchio di aglio
1 pomodoro a grappolo
50 g di pecorino stagionato
olio extra vergine di oliva
pepe nero
sale


Preparazione:
Si puliscono per bene le cozze e con l’aiuto di un coltellino si aprono a vivo (per paura di tagliarmi,  le ho fatto aprire sul fuoco in un tegame coperto) avendo cura di non rompere le valve; si raccoglie la loro acqua in una ciotola, si lascia la valva contenente il mollusco e si getta quella vuota. 
Si mette in ammollo il riso in acqua tiepida per 15 minuti circa.
Nel frattempo si pelano le patate e si tagliano con la mandolina, per metà con uno spessore di circa 4 mm e l’altra metà in maniera più sottile. Si taglia la cipolla a fettine, si priva della buccia il pomodoro e si taglia a fettine. Si riduce in trito l’aglio e il prezzemolo.

Si olia una teglia e si mette lo strato di patate più spesse, si sala, si pepa si mette sopra le fette di cipolla e alcune fette di pomodoro, si condisce con pepe, sale e il trito di aglio e prezzemolo. Poi si mettono il mezzo guscio delle cozze con la parte del mollusco verso l'alto, sopra si distribuisce il riso scolato, in modo che le valve lo contengano. Si condisce con il sale, il pepe, il trito di aglio e prezzemolo e un filo di olio extra vergine di oliva. Si copre il tutto con le restanti fette di patate sottili, e sopra il restante pomodoro. Si irrora con l’olio extra vergine di oliva, infine si spolvera con pecorino grattugiato. Si aggiunge l’acqua delle cozze tenuta da parte, ben filtrata,  fino a metà altezza della teglia.
Si mette in forno caldo a 200° C nella parte bassa del forno, fino a quando bolle il liquido, poi si trasferisce nella parte di mezzo. In tutto si fa cuocere per 45-50 minuti circa, dipende dal forno, comunque fino a che la superficie sarà dorata.  
Una volta cotta, si lascia intiepidire prima di consumarla.



Tiella alla barese particolare Patate riso cozze









Guido Guerrieri assaggiava la sua Tiella accompagnata da un bicchiere di Negroamaro con sottofondo le note del pianoforte e la voce di Paolo Conte che canta Sotto le stelle del Jazz.














 

mercoledì 17 luglio 2013

Pizza con zucchine, alici e scamorza



Nonostante sia estate la temperatura di questi giorni permette senza problemi di accendere il forno; in ogni caso l’accenderei lo stesso per qualche pasticcio, come in questo caso per la pizza. 




Pizza con zucchine, alici e scamorza


Ingredienti per la pasta (teglia 26x37):
300 g di farina 0
25 g di di semola di grano duro  (1 cucchiaio)  più quella per la teglia
10 g di farina di riso (mezzo cucchiaio)
5 g di lievito di birra secco o 15 g di lievito di birra
200 ml circa di acqua


Per il condimento:
4 zucchine romane
10 filetti di alici sott’olio
250 g di scamorza bianca
olio extra vergine di oliva
pepe nero


Preparazione:
In un pentolino si fa intiepidire l'acqua, se ne versa parte a riempire mezzo bicchiere in cui si unisce il lievito; si mescola e si fa sciogliere completamente per 5-6 minuti circa.
In una ciotola capiente si versa la farina setacciata, si aggiunge la farina di semola di grano duro e la farina di riso, si mescola il tutto. Si unisce il lievito e si inizia ad amalgamare aggiungendo la restante acqua e il sale. Si lavora fino a quando i liquidi saranno ben assorbiti.
Si prende l'impasto e si comincia a lavorare energicamente sulla spianatoia infarinata minimo 20 minuti, fino ad avere un composto consistente morbido ed elastico. Si dà la forma di una palla e si mette in una capiente ciotola unta di olio e si copre con un panno. Si lascia a lievitare nel forno spento fino a quando raddoppia il volume.

Passato il tempo di lievitazione si prende la pasta, si forma un panetto, si allarga con la punta delle dita sulla spianatoia formando un rettangolo. Si spolvera con la semola di grano duro la teglia, si riveste con la pizza, si mettono sopra le rondelle di zucchine tagliate in precedenza, i filetti di alici, e una spolverata di pepe nero.

Si inforna nel forno preriscaldato a 240° C nella parte bassa e si fa cuocere per 10 minuti circa,  poi si trasferisce nella parte media del forno, si lascia cuocere per 8 minuti circa; poi si aggiunge il formaggio tagliato a fette si lascia sciogliere per alcuni minuti.






lunedì 15 luglio 2013

Farro con crema di mortadella al basilico e dadolata di prosciutto cotto



E’ un piatto abbastanza veloce e gustoso. E’ un’insalata di farro con una crema di mortadella insaporita al pesto di basilico, con l’aggiunta del prosciutto cotto a dadini. Ho saltato il tutto in padella con il parmigiano grattugiato giusto il tempo per far amalgamare i sapori. Ho impiattato e aggiunto i pomodori ramati tagliati a pezzi conditi con olio extra vergine di oliva, sale e pepe nero. Si può mangiare tiepida o fredda.




Farro con crema di mortadella al basilico prosciutto cotto



Ingredienti:
380 di farro perlato
100 g di prosciutto cotto in un’unica fetta
100 g di mortadella in un’unica fetta
80 g di parmigiano
3 pomodori ramati medi
1 ciuffo di basilico
40 g di pinoli
1 spicchio di aglio
olio extravergine di oliva
sale  grosso
pepe nero



Preparazione:
Si cuoce il farro secondo quanto riportato dalla confezione, si scola e si lascia intiepidire.
In un boccale, sarebbe meglio in un mortaio, si mette il basilico, il sale grosso, lo spicchio di aglio, i pinoli e l’olio extra vergine di oliva. Si riduce il tutto a pesto, si aggiunge metà del parmigiano e si amalgama.
In un mixer si mette la mortadella tagliata a dadini e si trita, si unisce il pesto e si amalgama il tutto.
In una larga padella si mette un filo di olio extra vergine di oliva, si versa il farro, la crema di mortadella e basilico, il prosciutto cotto tagliato a dadini, il restante parmigiano grattugiato, il pepe nero e si fa saltare per due minuti.
S’impiatta e si aggiunge su ogni piatto il pomodoro tagliato a pezzetti condito con un pizzico di sale, pepe ed olio extra vergine di oliva. 





Farro con mortadella basilico prosciutto cotto







venerdì 12 luglio 2013

Pudding di salmone all'irlandese



Questo mese l' Abbecedario Culinario della Comunità Europea fa tappa nella verde Irlanda. Come ho letto il salmone insieme con le patate sono uno degli ingredienti più diffusi della cucina irlandese. I piatti con il salmone sono molti e cucinati in vari modi. Per questa ricetta ho preso spunto da un piccolo ricettario di Olga Tarentini Troiani, Le cento migliori ricette di Salmone e caviale.




Pudding di salmone all'irlandese




La ricetta è liberamente tratta da Olga Tarentini Troiani, Le cento migliori ricette di Salmone e caviale.
Ingredienti:
100 g di salmone
40 ml di latte
30 g di burro
30 g di riso  
1 cucchiaio di succo di limone 
1 uovo (omesso)
1 cucchiaio di prezzemolo tritato
sale
pepe
spicchi di limone
erba cipollina



Preparazione:
Si fa lessare il salmone in acqua calda per circa 5-8 minuti. Si mette il riso in una pentola con l’acqua che copre il riso per un dito e un po’ di sale. Si copre con un coperchio e si fa cuocere per 8 minuti circa, deve essere molto al dente.
In una ciotola si mettere il riso cotto al dente, il salmone sminuzzato con la forchetta, il succo di limone, il prezzemolo, il latte, il sale ed il pepe. Si amalgama bene il tutto e si aggiunge l’uovo sbattuto (l’ho omesso). Si prende uno stampo o più stampini singoli s’imburra e si versa il composto, livellando la superficie. Si fa cuocere a forno caldo a 200° C per 35 minuti.
Si capovolge il pudding sul piatto da portata, si versa il burro rimasto fatto sciogliere e si serve guarnito con spicchi di limone e fili di erba cipollina.





Con questa ricetta partecipo alla raccolta dell'Abbecedario Culinario della Comunità Europea per la cucina dell’Irlanda ospitato dal blog The dreaming seed.












mercoledì 10 luglio 2013

Listarelle di pollo alla paprika



Per questo piatto ho preso spunto da Giuliana dai suoi Bocconcini di tacchino alla paprika. E’ un piatto veloce, molto gustoso che ho fatto e rifatto molte volte. Al posto del tacchino utilizzo il pollo e sostituisco il burro con l’olio extravergine di oliva.
Li ho accompagnati con i friggitelli.









Per la ricetta originale rimando al blog La cucina imperfetta
Preparazione:
400 g. di petto di pollo
250 ml di latte
1 cucchiaio di paprika forte
farina q.b.
olio extra vergine di oliva
sale
prezzemolo



Preparazione:
Si taglia a listarelle il petto di pollo, s’infarina e si fa rosolare in padella in olio extra vergine di oliva.
In un tegame si tosta la paprika per alcuni minuti, poi si aggiunge il latte. Una volta riscaldato il latte si unisce alle listarelle di pollo rosolate, si lascia cuocere a fuoco medio basso per 20-25 minuti. Si sala e si aggiunge il prezzemolo tritato (questa volta non l’ho utilizzato). 









lunedì 8 luglio 2013

Lumaconi con crema di zucchine e peperoni rossi



Ho condito i lumaconi con una parte delle zucchine e peperoni tagliate a dadini e una parte ridotti in crema con l'aggiunta di capperi e olive verdi. Il tutto condito dal Pecorino di Picinisco dal sapore dolce e piccante.

r questione di integrità orum.le. rum. assi.scrivo.ava restavano. rattamento subito








Ingredienti:
400 g di lumaconi
4 zucchine romane
2 peperoni rossi
1 cipolla
1 cucchiaio di olive verdi denocciolate
mezzo cucchiaio di capperi
40 g di formaggio di pecora io Pecorino di Picinisco
30 g di parmigiano
olio extra vergine di oliva
peperoncino
sale


Preparazione:
Si tagliano a dadini le zucchine e i peperoni. Si taglia a fettine la cipolla e si fa imbiondire in una padella con l’olio extra vergine di oliva e il peperoncino. Si aggiungono i dadini d zucchine e peperoni si fanno saltare per 10 minuti circa. Si lascia da parte meno della metà, il resto si versa in un mixer si aggiungono le olive e i capperi dissalati, si frulla il tutto ottenendo una crema.
 Si fa bollire l’acqua si cuoce la pasta, si toglie alcuni minuti prima si versa nella padella e si aggiunge la crema e qualche cucchiaio di acqua di cottura della pasta, si amalgama e si aggiunge il formaggio pecorino tagliato a dadini e il parmigiano grattugiato. Si fa saltare il tutto. S’impiatta e si aggiunge ad ogni piatto la dadolata di zucchine e peperoni lasciati da parte.






sabato 6 luglio 2013

Quanti modi di fare e rifare la Galantina di pollo aromatizzata



Questo mese con Quanti modi di fare e rifare siamo andati da Luisa del blog Stegnat de polenta per fare la Galatina di pollo aromatizzata.
Ho fatto qualche lieve modifica alla ricetta: ho diminuito le dosi, ho sostituito il prosciutto crudo con quello cotto, il basilico con il rosmarino, ho aggiunto l’aglio ed ho omesso l’uovo. E' un piatto adatto per questo periodo; ideale per essere mangiato sia tiepido che freddo.







Per la ricetta originaria rimando al blog Stegnat de polenta
Ingredienti:
250 g di petto di pollo
100 g di prosciutto cotto in un’unica fetta
70 g di mortadella in un’unica fetta
aghi di rosmarino
1 spicchio di aglio
pepe nero


Procedimento:
Si frulla nel mixer 200 g di pollo, con metà della mortadella, e del prosciutto cotto, gli aghi di rosmarino e lo spicchio di aglio. Si trasferisce il composto in una ciotola si aggiungere il resto del pollo, del prosciutto cotto e della mortadella tagliato a dadini, si pepa il tutto.
Si bagna un largo foglio di carta da forno e si stende sul piano di lavoro, si distrubuisce il composto al centro del foglio dando la forma di un cilindro. Si avvolge e si chiude l’estremità della carta a caramella, con lo spago da cucina.
Si cuoce in acqua bollente per 45 minuti circa. Si lascia raffreddare e si taglia a fette.
L’ho servita con fagiolini conditi con olio extavergine di oliva e sale.






Quanti modi di fare e rifare...



Appuntamento al 6 settembre con


Ecco le cose che piacciono a me







mercoledì 3 luglio 2013

“Il ciambellone soffice”di Adelaide Melles



La ricetta è tratta da un vecchio ricettario della madre di Adelaide Melles in cui era scritto “Il ciambellone soffice”. Ed è proprio questa caratteristica a rendere particolare il ciambellone, il segreto della sua morbidezza è la liquidità dell’impasto e la sostituzione del latte con l’acqua.







Per la ricetta originale rimando al blog di Adelaide Melles Diario di una passione
Ingredienti per uno stampo a ciambella di 24 cm di diametro:
250 g di zucchero
250 g di farina 00
3 uova
130 g di olio di semi di mais oppure olio d'oliva leggero (olio extra vergine di oliva leggero)
130 g di acqua  
2 cucchiai di cacao amaro
un po' di rum (2 cucchiaini di Passito di Pantelleria)
1 bustina di lievito


Preparazione:
Si sbattano le uova con lo zucchero, fino a farle diventare spumose; si aggiunge l'olio, l'acqua, il rum (Passito di Pantelleria), la farina ed infine il lievito. Si mescola il tutto; il composto alla fine dovrà essere piuttosto liquido.
S’imburra uno stampo a ciambella, si versa 3/4 del composto. Nel rimanente composto si aggiungono i due cucchiai di cacao amaro, si mescola bene e si versa sul composto bianco. Con un coltello si fanno dei centri concentrici per far venire l'effetto marmorizzato. Si cuoce in forno caldo a 180° C per circa 40 minuti, farà fede la prova stuzzicadenti.
Si lascia raffreddare per 5 minuti, si sforma e si lascia raffreddare del tutto.













lunedì 1 luglio 2013

Tortino di alici, rucola e pomodorini



Iniziamo questo primo giorno di luglio con un tortino gustoso e leggero, che abbina pesce e ortaggi. Il pesce è uno dei miei preferiti, le alici che fanno da contenitore alla rucola e ai pomodorini ripassati.






Ingredienti:
500 g di alici fresche
2 mazzetti di rucola
10 pomodorini
1 spicchio di aglio
olio extra vergine di oliva
peperoncino
sale
pangrattato q.b.


Preparazione:
Si eviscerano e si privano della testa e della lisca. Si puliscono sotto acqua corrente e si ottengono tatti filetti.
Si porta ad ebollizione l’acqua e si fa scottare per pochi minuti la rucola ben pulita e lavata, si scola e si strizza. In una padella si fa soffriggere l’aglio in olio extra vergine di oliva e peperoncino, si unisce la rucola e i pomodorini tagliati a metà, si sala e si fa ripassare per alcuni minuti.

Si olia uno stampo o dei pirottini, si mette un po’ di pangrattato e si comincia a foderare le pareti  con le alici. Si aggiunge la rucola con i pomodorini, si copre con le alici e si spolvera con il pangrattato. Si mette in forno caldo a 200° C  per 25-30 minuti dipende dal forno. Fino a che la superficie del tortino risulta croccante.










Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...