lunedì 31 marzo 2014

Fagotto ripieno di scarola, alici ed olive di Gaeta

Ho un debole per la scarola con le alici e le olive; con piccole variazioni (aggiunta di altri ingredienti) è stata protagonista già di due torte salate: una di pasta matta l’altra di una pasta fatta con lo strutto. Oggi invece fa da ripieno ad un fagotto di pizza. Per l’impasto ho utilizzato una parte di farina Buratto che ha reso l’impasto un po’ più “rustico”, per la presenza di leggerissime parti di fibra ed il germe del chicco.



Pizza di scarola, alici ed olive di Gaeta




Per l’impasto
150 g di farina Buratto
150 g di farina 0
3 g di lievito di birra secco o 9 g di lievito di birra fresco
150-200 ml circa di acqua, dipende dall’assorbimento della farina
pizzico di sale
semola di grano duro per la teglia

Per il ripieno:
200 g di scarola
200 g di scarola riccia
1 cipolla bianca
6 filetti di alici sott’olio
80 g di olive di Gaeta
1 spicchio di aglio
olio extra vergine di oliva
peperoncino


Rifinitura:
1 cucchiaio scarso di passata di pomodori o pomodori pelati



Preparazione:
In un pentolino si fa intiepidire l'acqua, se ne versa parte a riempire mezzo bicchiere in cui si unisce il lievito; si mescola e si fa sciogliere completamente per 5-6 minuti circa.
In una ciotola capiente si versano le farine setacciate, si mescola il tutto. Si unisce il lievito e si inizia ad amalgamare aggiungendo la restante acqua e il sale. Si lavora fino a quando i liquidi saranno ben assorbiti.
Si prende l'impasto e si comincia a lavorare energicamente sulla spianatoia infarinata minimo 20 minuti, fino ad avere un composto consistente morbido ed elastico. Si dà la forma di una palla e si mette in una capiente ciotola unta di olio e si copre con un panno. Si lascia a lievitare nel forno spento fino a quando raddoppia il volume.

Nel frattempo si prepara il ripieno. In una larga padella si fa scaldare l’olio extra vergine di oliva e il peperoncino, si aggiungono i filetti di alici e le cipolle tagliate a fettine. Una volta dorate, si aggiungono le scarole ben lavate e scolate, si fanno cuocere coperte fino a far perdere il liquido di vegetazione. Una volta cotte si uniscono le olive di Gaeta private del nocciolo. Si lascia raffreddare.


Passato il tempo di lievitazione si prende la pasta, si forma un panetto, si allarga con la punta delle dita sulla spianatoia formando un rettangolo abbastanza grande. Si mette il ripieno tre-quattro dita sotto il bordo superiore del rettangolo. Si prende la parte bassa dell’impasto e si copre. Si preme la parte superiore e i lati per sigillare i due impasti e formare una sorta di bordo. Si forma una ciambella abbastanza stretta, facendo in modo che i bordi superiori sigillati siano al centro a formare una guarnizione (E’ più facile da fare che da spiegare). Si spennella la superficie con il pomodoro, si deposita su una teglia spolverata con la semola di grano duro. Si mette al forno caldo a 240° C, per 30-40 minuti dipende dal forno.



Pizza avvolta ripiena di scarola, alici ed olive di Gaeta








21 commenti:

  1. Questa forma morbida e il suo contenuto fanno venire una fame pazzesca! Meraviglioso!

    RispondiElimina
  2. Anche noi abbiamo un debole per l'abbinamento scarola ed olive (quelle buone) e dentro a questo fagotto diventa per noi irresistibile. Ha ragione Letizia, solo a guardarlo viene fame.
    Baciotti
    Sabrina&Luca

    RispondiElimina
  3. adoro questa pizza salata! Che fame :)

    RispondiElimina
  4. Le foto dei ripieni delle tue preparazioni mi mettono sempre una fame incredibile! Molto molto buono come abbinamento ,devo dire che conquista sempre anche me!

    RispondiElimina
  5. la forma è molto originale, ma il ripieno mi fa impazzire! :)

    RispondiElimina
  6. Ma è buonissima!!!!!!!!!!!!!!! A Roma con questo ripieno facciam la torta rustica nel periodo pasquale.. mi piace questa versione invece.. smack e buona settimana :-)

    RispondiElimina
  7. Buonissimo preso nota di questo ed il precedente con i totani. Grazie e buona settimana.

    RispondiElimina
  8. che meraviglia Fra, adoro la scarola e questa specie di calzone deve essere ottimo...ciao carissima

    RispondiElimina
  9. l'abbinamento scarola-olive è uno dei più gustosi al mondo. Immagino che golosità l'impasto con la farina buratto. Un abbraccio

    RispondiElimina
  10. Con questa ricetta mi porti a casa! A Napoli, pizza e pizzette di scarola, sono un classico della vigilia di Natale!

    RispondiElimina
  11. wow, un vero sballo questo fagotto...segno subito!!!

    RispondiElimina
  12. non ci crederai ma proprio stasera ho mangiato la scarola del mio orto con alici e olive nere, quindi la tua versione fagotto ripieno la provo di sicuro! Un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  13. Wow! Che bontà! Mi viene voglia di addentare il monitor :D

    RispondiElimina
  14. quell'oliva che sbuca dal ripieno ha bucato lo schermo, troppo buono questo fagotto !

    RispondiElimina
  15. Oddio muoio. Non potresti conquistarmi in altro modo. DIVINA!!

    RispondiElimina
  16. la foto la mostra per quello che è. Meravigliosamente buona, complimenti!!!

    RispondiElimina
  17. che ripieno favoloso fa capolino da questo fagotto....da urlo!

    RispondiElimina
  18. Sono svenuta dalla fame al solo vederlo, mi immagino a mangiarlo... Che super bontà! Che ripieno goloso ha questo fagotto! Un bacione

    RispondiElimina
  19. un ripieno stragustoso!!!!!!!!!
    baci
    Alice

    RispondiElimina
  20. Mamma mia sto morendo di fameeeeee!!! Buonoooooo!! Complimenti ricetta ottima!!

    RispondiElimina
  21. Sapori che amo molto! Favoloso fagotto! :)

    RispondiElimina

Grazie per i commenti e consigli, sono sempre ben accetti.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...