venerdì 4 aprile 2014

Tartellette di polenta con cipolle e acciughe



Giovan Battista Recco, Pesci appesi ad uno spago e cipolle
Giovan Battista Recco, Pesci appesi ad uno spago e cipolle, Collezione privata


… da Tobia si mangia va di regola come a casa mia nelle giornate più nere. A mezzogiorno come a cena passavano quasi sempre polenta, da insaporire strofinandola a turno contro un'acciuga che pendeva per un filo dalla travata; l'acciuga non aveva già più nessuna figura d'acciuga e noi andavamo avanti a strofinare ancora qualche giorno, e chi strofinava più dell'onesto, fosse ben stata Ginotta che doveva sposarsi tra poco, Tobia lo picchiava attraverso la tavola, picchiava con una mano mentre con l'altra fermava l'acciuga che ballava al filo.

Beppe Fenoglio, La malora, Einaudi



Il brano di Fenoglio che descrive l’umile pasto nella cascina del Pavaglione in cui tutti a turno passano un pezzo di polenta su un’acciuga consumata che pendeva da un filo, l’ho accostato al quadro seicentesco del pittore napoletano specializzato in pesci ed interni di cucine: Giovan Battista Recco. Anche nel quadro sono raffigurate tre acciughe o forse sardine che pendono da un filo e vicino, su un bancone, sono raffigurate due cipolle dorate “cicciate”.
Polenta, acciughe e cipolle: ecco gli ingredienti di queste tartellette.



Tartellette di polenta con cipolle e acciughe





Ingredienti:
200 g di farina gialla
800/1000 ml circa di acqua dipende dalla farina gialla
4 acciughe dissalate o 8 filetti di acciughe sott’olio
2 cipolle dorate medie
olio extravergine di oliva
sale
pepe nero

Preparazione:
Si fa bollire l’acqua, si sala e si aggiunge un goccio di olio extravergine di oliva, si versa a pioggia la farina gialla e si gira continuamente fino a quando si addensa (dipende dalla farina).
Nel frattempo si mettono le cipolle tagliate a fette in un tegame con un filo di olio extra vergine di oliva, si fanno appassire si sala e si pepa.
Una volta cotta la polenta, si stende negli stampi delle tartellette ricoperte da carta forno. Si mettono le cipolle appassite, i filetti di acciughe ed olio extra vergine di oliva. Si passano in forno preriscaldato a 200° C per 8-10 minuti.

Si possono mangiare tiepide o fredde.




Tartellette di polenta al forno con cipolle e acciughe






17 commenti:

  1. con queste tartelette vado a nozze , adoro tutti gli ingredienti che le compongono. Splendida la presentazione . Un abbraccio, buona giornata Daniela.

    RispondiElimina
  2. mi piacciono molto gli accostamenti letterari e pittorici con i piatti, bellissimo post Francesca ! La polenta per me è un cibo versatile che trova posto sulla tavola del re come su quella del contadino, buon we

    RispondiElimina
  3. Il tuo parallelismo tra cucina, arte e letteratura è divino. Sei grande Fra!!

    RispondiElimina
  4. per mio marito vanno benissimo così, io per le mie ometto le acciughe!

    RispondiElimina
  5. Una ricetta davvero originale ma soprattutto squisita!!!!!!

    RispondiElimina
  6. Un piatto veramente ghiotto! Ma io non faccio testo... sono "polentona"

    RispondiElimina
  7. Fenoglio mio paesano, il racconto dell' acciuga la ricordo da sempre perché miei vicini anzianissimi me la raccontavano ogni volta che mi vedevano mangiare ...bei ricordi di tanti anni fa.

    RispondiElimina
  8. Fra ti stavo facendo i complimenti per la foto, ero rimasta a bocca aperta poi mi sono accorta che era un dipinto, le tue sono già belle ma avevi superato te stessa...la ricetta mi piace molto...baci

    RispondiElimina
  9. bellissima idea come aperitivo antipasto..
    buonissime

    RispondiElimina
  10. Una ricetta squisita, mi piace tutto.

    RispondiElimina
  11. il dipinto mi ha colpito, ma la tua ricetta non è da meno, Squisita, le alici le mangio sempre con molto piacere e la tua è una proposta meravigliosa.

    RispondiElimina
  12. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  13. sfiziosissima l'idea e stragustose da mangiare!
    Baci
    Alice

    RispondiElimina
  14. che idea stuzzicante queste tartellette! Un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  15. Davvero un'idea da provare! Mi ricorda la mia terra...il veneto, con le sarde in saor con la cipolla e la polentina! Mi piace la presentazione... Mi piace tutto! Brava!

    RispondiElimina
  16. Amo le ricette letterarie o derivanti dalla pittura. Buonissime le tartellette! Buona domenica

    RispondiElimina
  17. Mi piace moltissimo la natura morta che hai messo, bello il brano, ottime le tartellette. Porto un buon vino e alè.
    Buona domenica col sorriso :-D

    RispondiElimina

Grazie per i commenti e consigli, sono sempre ben accetti.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...