lunedì 8 settembre 2014

Pasta alla Mazzatella




"Sento un saporino, ma come l'hai fatta... che c…o ci hai messo?"
"E come la dovevo fare?  E che ci ho messo… pasta cotta, melanzane fritte, pomodoro, uva passa, pane grattato, noci, pecorino".
Dal film Brutti, sporchi e cattivi di Ettore Scola, 1976



Lo spunto per questo piatto l’ho preso dalle battute di un film molto particolare grottesco e cinico di Ettore Scola, Brutti, sporchi e cattivi. La pellicola è ambientata nei primi anni settanta in una baraccopoli alla periferia di Roma; Giacinto Mazzatella, interpretato da Nino Manfredi, è un patriarca pugliese di una famiglia composta di dieci figli relativi consorti e nipoti che convivono in una baracca. Giacinto a causa di un infortunio sul lavoro ha perso un occhio ed ha ottenuto dall’assicurazione un risarcimento di un milione. Egli vive nel sospetto che qualcuno dei suoi parenti possa derubargli il denaro, così ogni giorno gli cambia il nascondiglio dimenticando a volte dove l’ha nascosto. Un giorno incontra una prostituta, s’innamora e decide di portarsela a vivere nella baracca con la numerosa famiglia. La moglie indignata per l’affronto e soprattutto preoccupata che Giacinto possa dissipare il milione, annuncia alla famiglia la decisione di voler uccidere il marito. Con il consenso dei familiari si decide che l’occasione sarà ad un gran pranzo con un bel piatto di pasta alle melanzane condite con mezzo chilo di topicida. Ma il piano non andrà a buon fine.



E’ un piatto che unisce l’amaro, il salato, il dolce, il morbido ed il croccante… un insieme di contrasti che in cucina mi piace molto.





Pasta alla Mazzatella





Ingredienti:
400 g di sedani o altra tipologia di pasta
3 melanzane lunghe viola
4 pomodori ramati 
40 g di noci sgusciate
60 g di pecorino romano
2 cucchiai di pane grattato
1 cucchiaio di uva passa
olio extra vergine di oliva
sale
pepe nero


Preparazione:
Si mette l’uva passa in acqua tiepida a riprendersi. Si fa tostare il pane grattato in un padellino.
Si taglia la melanzana a fette abbastanza sottili nel senso della lunghezza, si friggono in abbondante olio extra vergine di oliva, una volta cotte si fanno asciugare dall’olio in eccesso. Si fanno sbollentare i pomodori in acqua calda per alcuni munti, in modo da togliere la buccia. Si tagliano a pezzetti, si mettono in una padella abbastanza ampia con olio extra vergine di oliva e si fanno cuocere per 10 minuti circa, si sala e si pepa. Poi si aggiungono metà delle melanzane, l’uva passa sgocciolata e si fa insaporire per alcuni minuti.
Nel frattempo si fa bollire abbondante acqua per cuocere la pasta; una volta cotta si versa nel sugo si fa insaporire, si aggiunge il pangrattato tostato e un po’ di pecorino romano, infine le melanzane rimaste e le noci sbriciolate grossolanamente. S’impiatta e a piacere si aggiunge altro pecorino.









21 commenti:

  1. un primo piatto assolutamente invitante, lo provo presto perchè ho delle belle melanzane da utilizzare, un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  2. Hey ma questa è propripo una mazzatella di gusto!
    I love it ;)

    RispondiElimina
  3. Mai visto il film ma questa pasta me la gusterei volentieri!! gnammy!! buona giornata cara!!

    RispondiElimina
  4. C'è la vita, in questo piatto. Anche io amo i contrasti di sapori e continuo a rimanere affascinata dal tuo modo di creare legami tra cultura, qualsiasi essa sia, e cucina. Sei favolosa Fra!!

    RispondiElimina
  5. Non conoscevo il film.... e mai avrei immaginato questo tipo di pasta.. ma è buonissima!!!! ingredienti forti e di gusto.. baci e buon lunedì.-)

    RispondiElimina
  6. Un piatto gustosissimo, lo pubblico sulla mia pagina di Facebook. Buona settimana

    RispondiElimina
  7. troppo buone le melanza.....buonissimo il connubio!
    un abbraccio
    Sandra

    RispondiElimina
  8. Ottima questa pasta, tutti ingredienti che adoro, tengo a mente. E mi segno anche il film che non ho mai visto,
    un caro saluto
    Su

    RispondiElimina
  9. Questa ricetta te la copio subito, un fantastico connubio di ingredienti e sapori . Un abbraccio, buona giornata Daniela.

    RispondiElimina
  10. Adoro i film di Scola e questa pasta è molto invitante!

    RispondiElimina
  11. Viene voglia di tuffarsi dentro questo piatto, spettacolare!

    RispondiElimina
  12. Che visione! Farei pazzie per un piatto di pasta come questo!

    RispondiElimina
  13. Wow, proiezione del fim più pasta sarebbe un'accoppiata pazzesca! Lo diciamo non fiere ma non abbiamo mai visto il film.. e la tua sinossi ci ha messo una gran voglia di cercare il dvd e colmare la lacuna! La pasta deve essere deliziosa, il fritto, il pomodoro e le note dolci dell'uva passa sembrano una garanzia!!!

    RispondiElimina
  14. ricordo perfettamente il film,mi colpì molto la crudezza di certe immagini....preferisco questo bel piatto di pasta !

    RispondiElimina
  15. il ricco insieme dei sapori rende il piatto speciale. Il film lo ricordo, ma non mi era piaciuto molto, forse per questo mi ero dimenticata totalmente di questa pasta.
    Complimenti e buona settimana!

    RispondiElimina
  16. Non conosco il film. La ricetta mi sembra molto appetitosa.
    Baci.

    RispondiElimina
  17. non ho mai visto quel film ma mi hai incuriosita con questo mix di sapori contrastanti :) un bacio, buona settimana

    RispondiElimina
  18. Anch'io non ho mai visto questo film.....la pasta e' buonissima,ne sento quasi il sapore.
    Ciao,un abbraccio.

    RispondiElimina
  19. Un piatto ricco e saporito da riproporre a casa senza ombra di dubbio!

    RispondiElimina
  20. Ciao! buonissima questa tua pasta! saporita e molto ricca! mette proprio voglia di rimettersi ai fornelli :)

    RispondiElimina
  21. Buongi.................ma che delirio questo pasta!!! Doveva essere deliziosamente filante!!!

    RispondiElimina

Grazie per i commenti e consigli, sono sempre ben accetti.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...