venerdì 7 novembre 2014

Pasta e ceci

alla romana



L’associazione pasta e ceci ed il film I soliti ignoti di Mario Monicelli è inevitabile. Il film oltre ad essere uno dei capisaldi della commedia all’italiana, genere che adoro, è uno dei film italiani che amo di più. E’ stato girato da Monicelli nel 1958 con sfondo una Roma dei quartieri popolari dove si muovono i quattro protagonisti. L’intento del gruppo è di fare il colpo della loro vita: aprire la cassaforte del Monte di Pietà il banco dei pegni della città. Per farlo escogitano di entrare in un appartamento adiacente, di sfondare una parete ed arrivare alla fatidica cassaforte la “comare”. Però il colpo non riesce, invece di entrare al Monte della Pietà finiscono nella cucina dell’appartamento. Amareggiati abbandonato ogni intento di rapina, si siedono intorno al tavolo e si consolano con la pasta e ceci che trovano sul fornello. 
Come indicato dal regista e dai sceneggiatori Suso Cecchi D'Amico, Age & Scarpelli, l'idea del film fu tratta da un racconto di Italo Calvino Furto in una pasticceria in Ultimo viene il corvo del 1949. Durante la guerra tre ladri improvvisatati ed affamati escogitano un furto in un negozio, uno di loro nel buio comincia a tastare con le mani ciò che lo circonda e si accorge di essere in una pasticceria con una miriade di dolci, così comincia ad assaggiarli tutti fino all’arrivo della polizia.





Mario Monicelli, I soliti ignoti, 1958



Per la mia pasta e ceci ho utilizzato il cece del solco dritto un legume molto antico documentato in epoca medioevale nell’area di Valentano, località in provincia di Viterbo. Il nome di questo cece nasce da una manifestazione tradizionale contadina chiamata "La tiratura del solco dritto" che tuttora si svolge il 14 agosto nella piana sottostante Valentano. Secondo la tradizione, gli auspici del buon raccolto sono legati al solco, dell’aratro tirato dai buoi all’epoca oggi del trattore, più o meno dritto. 
Nella pasta e ceci come è consuetudine nella mia città, si aggiungono i filetti di alici ed il rosmarino.



Pasta e ceci alla romana





Ingredienti:

350 g di cannolicchi o altra pasta corta
300 g di ceci secchi io “ceci del solco dritto”
250 g di passata di pomodoro
4 filetti di alici sott’olio
2 spicchi d'aglio
1 rametto di rosmarino
olio extravergine di oliva
sale
peperoncino


Preparazione:

Il giorno prima si mettono i ceci a bagno in acqua fredda. Il giorno successivo si scolano e si mettono in acqua fredda con un rametto di rosmarino e uno spicchio di aglio, si fanno cuocere per circa due ore.

In un ampio tegame si mette l’olio extra vergine di oliva, l’aglio tagliato a pezzettini, il peperoncino e i filetti di alici Si fa scaldare il tutto, appena le alici saranno sciolte si aggiunge la passata di pomodoro, si sala e si fa cuocere per 10-15 minuti circa. Poi si aggiungono i ceci con 2 o 3 mestoli della loro acqua di cottura. 
Si porta ad ebollizione l’acqua per la pasta si fa cuocere e si scola al dente, poi si unisce ai ceci e si fa insaporire per alcuni minuti. Si serve con l’aggiunta di un filo di olio extra vergine di oliva.










Mi piace chiudere questo post con un filmato di un programma televisivo degli anni Settanta dove il buongustaio Aldo Fabrizi racconta ad Ave Ninchi la ricetta della Pasta e ceci.














16 commenti:

  1. pasta e ceci, in inverno, è il mio confort food! Un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  2. Una pasta straordinaria che amo moltissimo!

    RispondiElimina
  3. adoro e amo questa ricetta!!un abbraccio!

    RispondiElimina
  4. Spettacolo! Un classico che non stanca mai, una bontà da fare presto! Un bacione

    RispondiElimina
  5. un super piatto della tradizione che mette d'accordo sempre tutti!

    RispondiElimina
  6. che buona, è proprio la sua stagione adesso !

    RispondiElimina
  7. Adoro la cinematografia anni 60 e I soliti ignoti per me è un cult. Lo vedo ogni volta che lo danno in televisione. Amo molto anche la pasta e ceci, un piatto davvero delizioso! Buon fine settimana

    RispondiElimina
  8. Potessi avere qui, proprio ora, quel coccetto di ottima pasta e ceci!!!

    RispondiElimina
  9. Fra, i soliti ignoti è il film preferito di mio papà... insomma siamo cresciute, io e mia sorella, ricordando battute e scene di questo caposaldo del cinema :) è sempre piacevole una rispolverata, un pò come un buon piatto di pasta e ceci... il comfort per eccellenza... deliziosa la tua, la prossima volta aggiungerò anche qualche filetto di alici come hai suggerito:) un bacione:*

    RispondiElimina
  10. Che bontà, l'aggiunta delle alici regala a questo fantastico piatto una marcia in più... bravaaaaaa!!!
    Bacioni, buona serata...

    RispondiElimina
  11. Adoro pasta e ceci, il mio legume preferito! e adoro anche il film I soliti ignoti, ogni volta che lo rianno in tv me lo guardo, divertente, ironico, bella atmosfera, bei dialoghi, grandi attori! ciao @fra, buon week end!

    RispondiElimina
  12. Sai che da piccola ho sempre odiato questo formato di pasta? adesso invece lo trovo squisito,specialmente se unito a legumi.
    Come cambiano le cose con il tempo! :) Adesso la tua pasta e ceci mi fa una gran gola! ;)

    RispondiElimina
  13. particolarmente gustosa la tua versione di pasta e ceci, complimenti!!

    RispondiElimina
  14. mi piace questo modo di cucinare i ceci completamente diverso dal mio!

    RispondiElimina
  15. A parte la pasta e ceci che è stupenda, mi sono divertito tantissimo a vedere i vecchi filmati in cui questo piatto fa da interprete! Grazie carissima

    RispondiElimina
  16. Un vero comfort food la tua pasta e ceci , la prossima volta che la preparo seguirò la tua ricetta . Un abbraccio, Daniela.

    RispondiElimina

Grazie per i commenti e consigli, sono sempre ben accetti.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...