lunedì 19 gennaio 2015

Scarcitti con sugo di maiale

Uno dei primi piatti che conobbi durante gli anni delle mie vacanze in Abruzzo, in un paesino vicino a L’Aquila, furono gli “Scarcitti al sugo”. Vale a dire straccetti di pasta fatti di acqua e farina, particolarmente ruvidi e porosi, conditi con dei sughi robusti e corposi a base di carne di pecora o di castrato o di maiale; poi spolverati con abbondante pecorino abruzzese. Un piatto non leggero dal sapore antico, adatto per i mesi invernali; dove il freddo si fa sentire.
Come si può vedere nel blog amo molto le paste composte semplicemente di acqua e di farina di grano tenero o di semola di grano duro o rimacinata; questa volta per rimanere con prodotti del territorio abruzzese ho utilizzato la farina integrale di grano Solina che è un cereale molto antico tipico delle montagne abruzzesi. Come sugo ho scelto quello di carne di maiale: costine e salsicce. Un piatto che mi ha ricordato un po’ di questa bellissima terra.



Scarcitti con sugo di maiale







Ingredienti:

Per la pasta

400 g di farina integrale di grano Solina
200 ml circa di acqua (dipende dall’assorbimento della farina)
farina 00 per lo spolvero

Per il sugo di carne di maiale

600 g di costine di maiale
4 salsicce di maiale
1 litro di passata di pomodoro
1 carota
1 cipolla bianca
1 costa di sedano
mezzo bicchiere di vino bianco secco
olio extra vergine di oliva
sale
pepe nero


Pecorino abruzzese  o Parmigiano Reggiano o Grana Padano quantità a piacere



Preparazione:

In un ampio tegame, si mette il sedano, la carota, la cipolla tritati, si fanno soffriggere in olio extra vergine di oliva, si uniscono le costine di maiale, si lasciano cuocere per alcuni minuti per farle colorire, si sfuma con il vino bianco si sala e si pepa; si unisce la passata di pomodoro si copre e si lascia cuocere a fuoco basso per un’ora circa. Poi si uniscono le salsicce e si continua a cuocere per 40 minuti circa.

In un’ampia ciotola si setaccia la farina, si comincia ad aggiungere l’acqua poco per volta, si lavora aiutandosi con un cucchiaio fino ad ottenere un impasto morbido. Si prende il composto e si mette sulla spianatoia infarinata si comincia a lavorare per 15-20 minuti, fino ad ottenere una massa omogenea ed elastica.  Si forma una palla, si copre e si fa riposare per mezz'ora.
Passato il tempo di riposo della pasta, si stende una sfoglia di uno spessore di 3-4 mm circa e si taglia a strisce nel senso orizzontale e poi in diagonale, in modo da formare degli “stracci” irregolari. Si lasciano ad asciugare.


Scarcitti



Si porta abbondante acqua ad ebollizione, prima di versare la pasta si aggiungono alcune gocce di olio in modo di non farla attaccare; si versa la pasta e si fa cuocere per pochi minuti, il tempo di farla venire a galla e di far riprendere il bollore dell’acqua.

In una grande insalatiera per la pasta si mette nel fondo alcuni mestoli di sugo, man mano si versano gli Scarcitti si condiscono con sugo e formaggio.

Infine si portano a tavola si servono ed a piacere si aggiunge altro formaggio grattugiato.




19 commenti:

  1. non ho mai preparato una pasta fresca con farina integrale ma la tua pasta regionale mi invoglia tanto! Un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  2. Adoro le paste fatte in casa specie se così gustose come il tuo piatto. Un piatto tipico da leccarsi i baffi, complimenti.

    RispondiElimina
  3. non conosco questo piatto, sembra buonissimo !

    RispondiElimina
  4. Questo piatto è da acquolina in bocca anche alle 10 del mattino!

    RispondiElimina
  5. Non conosco questo piatto, mi hai fatto salire l'appetito con questo ricetta, ricetta segnata. Un abbraccio, Daniela.

    RispondiElimina
  6. ecco qua uno dei tuoi grandi primi, fantastico, assaggiati secoli fa in abruzzo, mi avevano anche raccontato qualche aneddoto ma non ricordo, il sugo di maiale ci sta alla grande!!!!

    RispondiElimina
  7. Non conoscevo questa pasta, mi alletta molto, anche il sugo.

    RispondiElimina
  8. Ossignur.. sono una sorta di maltagliati.. Che condimento bello ricco... bacioni e buon lunedì :-)

    RispondiElimina
  9. Io adoro i sughi capretto agnello indifferente gustati anche in Abruzzo. Questi sono favolosi prendo nota.
    Grazie

    RispondiElimina
  10. Carissima ... sei nella mia regione del cuore e devo dirti che il tuo piatto è delizioso. Bravissima!

    RispondiElimina
  11. Ho appena scoperto il tuo blog e mi sono unita più che volentieri ai tuoi lettori, complimenti per le ricette :)
    Un bacio!

    RispondiElimina
  12. oh mamma, una vera bontà...col pecorino naturalmente! ^_^

    RispondiElimina
  13. Che bontà questi primi piatti ricchi di sapori della tradizione!

    RispondiElimina
  14. complimeneti non conoscevo per niente questa pasta, il sugo robusto lo preparano anche da me,buono vero,immagino con la tua pasta fatta in casa che goduria,felice sera

    RispondiElimina
  15. particolarissimo questo formato di pasta, il sugo cosi' gustoso deve sposarcisi a meraviglia

    RispondiElimina
  16. questi scarcitti sono una novità per me e in più i tuoi con questo condimento hanno un aspetto gustosissimo!
    baci
    Alice

    RispondiElimina
  17. A volte ritornano... e anche io ahahahah
    Mamma mia è da settembre che giro come una trottola O_O Adoro le tue ricette ,imparo sempre qualcosa di nuovo grazie a te!

    RispondiElimina
  18. Ma da te scopro sempre una marea di ricette fantastiche! Ho anche adocchiato i tortelli con contechino che mi ispirano un sacco. Sei semplicemente bravissima! Un abbraccio cara e buona giornata

    RispondiElimina

Grazie per i commenti e consigli, sono sempre ben accetti.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...