lunedì 2 marzo 2015

Pasta con il broccolo romanesco
Li Sciambrotti

Signora, questo è un piatto senza inguacchi(1):
compri 'na bella cima romanesca,
de quelle fatte a pigna verde, fresca,
je levi torso foje e poi la scacchi(2)

Si er cacchio(3) è grosso è mejo che se spacchi,
e a garanzia che er piatto je riesca,
faccia bollì co' un pezzo de ventresca (4)
li Rigatoni assieme co' li cacchi(5)

Soffrigga la cipolla(6) ben tritata,
in ojo e buro a foco moderato
finché nun se riduce cremolata(7).

Poi ci accondisca Rigatoni e broccoli,
co' parmigiano e pepe macinato,
e si s'abbuffa nun me tiri moccoli.

(1) Intrugli.
(2) Scacchiatura, divisione delle cimette.
(3) Cimetta.
(4) Ventresca magra, un mezzo etto, che poi va buttata... ner frigo.
(5) Il difficile consiste nel realizzare lo stesso grado di cottura, in quanto se i rigatoni sono pesanti e i broccoli teneri, questi vanno messi dopo, altrimenti si sgretolano; oppure se sono duretti e la pasta è leggera succede il contrario. Vi consiglio perciò di fare prima due provini, con pochi grammi, degli uni e degli altri, controllando i minuti delle rispettive cotture. Comunque, se i broccoli non sono di stagione e romaneschi (anche se in altre regioni se ne  trovano di ottimi, specie in Liguria) è meglio che voltiate pagina.
(6) Molta e, se vi piace, moltissima.
(7) In un piccolo recipiente (mai d'alluminio) che si chiude bene,  perché il vapore acqueo evita che si bruci: comunque controllate e, se occorre, aggiungete acqua o latte. Ah, mi dimenticavo il dado, che da sapore alla cipolla, o, se preferite, un pizzino di sale.

Li Sciambrotti, Aldo Fabrizi. Arte romana: al cinema e in cucina, a cura di Adriano Pintaldi, 2012


Lo spunto per questa pasta viene da uno dei romani più famosi, Aldo Fabrizi. La sua romanità non era solo “visibile” nel cinema, anche in cucina. Era un buongustaio amava in particolare la pasta, tanto che scrisse alcune ricette in versi in dialetto romanesco raccolte nel 1971 in un libro dal titolo La pastasciutta: ricette nuove e considerazioni in versi.  
Tra le tante poesie dedicate alla pasta ed ai prodotti romani si distingue Li Sciambrotti; i protagonisti oltre alla pasta - i rigatoni - sono il broccolo romanesco, chiamata cima romanesca tipica della campagna romana e la ventresca che a Roma s’intende il lardo. Dalla ricetta riportata da Fabrizi, ho fatto qualche variazione, non ho utilizzato il lardo, bensì il guanciale al peperoncino ed ho fatto qualche modifica nel procedimento.



Pasta con il broccolo romanesco, Li Sciambrotti



Ingredienti:

700 g circa di broccolo romanesco
380 g di mezzi rigatoni
100 g di guanciale al peperoncino
1 cipolla dorata media
olio extra vergine di oliva
sale
pepe nero

Pecorino romano o Parmigiano Reggiano grattugiati



Preparazione:

Si monda il broccolo romano in tante cimette, si fanno scottare in acqua calda, non devono essere troppo cotte, e si mettono da parte.
In una casseruola si mette la cipolla tagliata a fettine sottili con un filo di olio extra vergine di oliva e un cucchiaio di acqua, si copre e si fa andare a fuoco basso finché non si sfalda un po’, poi si aggiunge il guanciale tagliato a listarelle si continua la cottura sempre a fuoco basso e coperto, in modo da far sciogliere il grasso.

Si fa cuocere la pasta in abbondante acqua, nel frattempo in un’ampia padella con un filo di olio si mettono i broccoli, si ripassano un po’ e si aggiunge la pasta cotta e un po’ di acqua di cottura, si fa saltare e si aggiunge la cipolla stufata e il guanciale ed una macinata di pepe nero, si fa insaporire il tutto. S’impiatta e si aggiunge a piacere una spolverata di formaggio grattugiato.






27 commenti:

  1. Ma che bello trovare ispirazione da dialoghi così :-) Sai che non avrei capito senza traduzione? Per fortuna che l'assaggio del piatto sia sempre uguale per tutti ehehehe Chissà che delizia :-) Bacioni

    RispondiElimina
  2. una pasta che ha tutto il buon sapore "romano", un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  3. che meraviglia leggere una ricetta in versi... più o meno l'ho capita... ma precisamente cosa sono i moccoli? no percè mi sa che te i dovrò tirare ahahahahahhah
    un bacioooo e buon lunedì

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tirare i moccoli, significa tirare una serie di imprecazioni; bestemmiare.
      Il turpiloquio romanesco è molto colorito in tal senso. :)

      Elimina
  4. Mamma mia che goduria questa pasta!!!!

    RispondiElimina
  5. ma che meraviglia questa ricetta e la storia che ci hai raccontato, da romana di nascita (e milanese di adozione) non posso che apprezzare, peraltro adoro il broccolo romanesco!!!

    RispondiElimina
  6. Lo facciamo spesso in inverno.. esattamente come te.. E' troppo buono!!! baci e buon lunedì :-)

    RispondiElimina
  7. Bella saporita ed invitante questa pasta, brava!!!

    RispondiElimina
  8. Intanto grazie per i sottotitoli, altrimenti mi sarebbe stato davvero difficile capire!!!
    E la ricetta mi sembra davvero gustosa!!!
    Buona settimana

    RispondiElimina
  9. un primo piatto che faccio spesso e che mi piace molto...carina la prima parte! ^_^

    RispondiElimina
  10. Aldo Fabrizzi era davvero un mito, mi piacevano così tanto i suoi film quando ero piccola. Mi faceva così ridere. Questo è il classico piatto che sa di casalingo, di buono, il piatto "della nonna". Alla fine sono proprio questi piatti quelli più buoni e gustosi

    RispondiElimina
  11. una volta si rideva in modo sano non come adesso che è tutto più volgare, Fabrizi era maestro sia in comicità che in cucina...Bella ricetta, ruspante e gustosa ! Buona settimana

    RispondiElimina
  12. Questo piatto è semplice da preparare ma è molto gustoso! complimenti Francesca! buon inizio settimana! :)

    RispondiElimina
  13. Mi piaceva da matti Aldo Fabrizi e anche la famosa signora Lella. Mio marito (papà napoletano) aveva la zia a Roma zona San Giovanni e quindi ci siamo venuti spesso a Roma, bei ricordi. Preso nota grazie ho giusto acquistato oggi il broccolo romano non sempre se lo trova. Buona serata

    RispondiElimina
  14. In questo periodo vivrei di paste al broccolo. Le trovo saporite e colorate. E il broccolo poi fa tanto bene.
    Bel primo piatto.
    Baci.

    RispondiElimina
  15. Ma che bel post! Aldo Fabrizi, la poesia, i broccoli e questo piatto goloso e delizioso!

    RispondiElimina
  16. amo tutti i broccoli e cavoli ma il romanesco è insuperabile. troppo appetitosa la tua pasta :)
    un bacio, buona settimana

    RispondiElimina
  17. Io adoro Fabrizi e la sorella quando spiegano le loro ricette! sapevano come stuzzicare l'appetito!
    E infatti il tuo piatto è da acquolina cara Francesca! :)

    RispondiElimina
  18. Ma che bella leggere quella poesia in romanesco e con gli occhi gustare il piatto!

    RispondiElimina
  19. mi piace troppo Aldo Fabrizi, la poesia è molto simpatica e il tuo piatto è a dir poco delizioso. Complimenti.

    RispondiElimina
  20. Bella l'introduzione a questa golosissima pasta, quella foto fa venire l'acquolina, bravissima!!!
    Bacioni...

    RispondiElimina
  21. Un bel ricordo di Aldo Fabrizi ed una appetitosissima ricetta! Baci

    RispondiElimina
  22. This pasta look absolutely deliziosa Fra!
    Un abbraccio cara!

    RispondiElimina
  23. Broccoli, guanciale e tanta bella storia. Tu sei sempre un passo avanti! Grande Fra!!

    RispondiElimina
  24. Che buono il broccolo romano, ultimamente lo cuciniamo spesso ! Troppo bella la ricetta in romanaccio:)

    RispondiElimina
  25. Il grande Aldo Fabrizi, molto bello il passo che ci hai proposto, favolosa la pasta , bellissima la presentazione . Un abbraccio, Daniela.

    RispondiElimina

Grazie per i commenti e consigli, sono sempre ben accetti.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...