lunedì 9 maggio 2016

Pane e frittata

… dopo un poco di ore che la frittata sta nel pane, noi diciamo che “sponza” cioé… la frittata si mischia col pane e diventa tutt´uno ... 
Se sfragna... praticamente...
non si capisce dove finisce il pane e comincia la frittata. 
Basilicata coast to coast


 Pane e frittata è un dei quei classici panini che ho amato fin da bambina.  Mi ricorda le gite fuori porta, tempi felici e spensierati, quando si portavano i panini da casa, per l'appunto con la frittata semplice o “arricchita” di verdure ed erbe. Il bello veniva quando era il momento di scartare l'involucro con cui i panini erano accuratamente sigillati da mia madre, e trovare la sorpresa del pane e la frittata che per il tempo trascorso insieme diventavano un tutt'uno odoroso e gustoso; così come ha ben evidenziato Rocco Papaleo nel film Basilicata coast to coast.





Pane e frittata 
Il pane e frittata di mia madre
non si batte,
perché non è che bastano due fette di pane e la frittata per fare
il pane e frittata che fa mia madre.
Se al pane e frittata che fa mia madre gli levi mia madre,
rimane un panino con la frittata
generico, semplice, banale, ordinario.
Se invece al pane e frittata che fa mia madre gli levi il panino con la frittata, 
rimane
mia madre.
Che può sempre farmene un altro
che magari le viene meglio,
o peggio.
Lì uno può sempre fare dei paragoni
oltre al gusto del pane con la frittata c'hai il gusto della sorpresa
dell'imprevisto, che è il sale della vita
e anche di quel pane e frittata.
Il pane e frittata senza mia madre è orfano,
è un panino senza background, senza memoria, senza cultura
è un panino che li per li ti sfama pure,
però non ti appassiona,
non ti fa crescere.
Il pane e frittata senza mia madre è un panino ripieno di un vuoto
e alla fine lo senti,
quel retrogusto
di un gusto
che non è il tuo.


Pane e frittata


Nell'impasto dei panini ho aggiunto semola di grano duro e semolato semintegrale di grano duro senatore Cappelli che li ha resi un po' più rustici. Li ho riempiti con tranci di frittata con le cipolle di Tropea, parmigiano e prezzemolo. Li ho accompagnati con foglie di insalata cappuccina e radicchio di  Chioggia.


Ingredienti:

Per 4 panini

300 g di farina 0  (più quella per lo spolvero)
50 g di semola di grano duro ( più quella per lo spolvero)
25 g di semolato semintegrale di grano duro senatore Cappelli
25 g di farina di riso
280-300 ml di acqua dipende dall'assorbimento dell'acqua
3 g di lievito secco o 15 g di lievito fresco
2 cucchiaini di sale fino
olio extravergine di oliva per spennellare i panini

Frittata

4 uova grandi
2 cipolle di Tropea
25 g di Parmigiano Reggiano o Grano Padano
ciuffo di prezzemolo
olio extra vergine di oliva
sale 
pepe nero

Per accompagnare

foglie di insalata cappuccina
foglie di radicchio di Chioggia

Preparazione:

Per i panini: si fa riscaldare l’acqua (deve essere tiepida), si versa una parte su un bicchiere si aggiunge il lievito si lascia sciogliere per alcuni minuti. Si miscelano le farine in un’ampia ciotola si versa la metà delle due farine miscelate si aggiunge il lievito e si mescola, si aggiunge un po’ per volta l’acqua si continua a mescolare,  appena l’impasto si stacca dalle pareti, si trasferisce sulla spianatoia e si continua a lavorare fino a quando i liquidi saranno ben assorbiti. Per dare forza all’impasto si fanno alcune pieghe di sovrapposizione, si forma una pagnotta e si copre, lasciandola riposare per 30 minuti. Una volta trascorso il tempo si dividono in tanti parti, si formano dei panini tondi si spolverizza una teglia con la farina di semola di grano duro e si sistemano ben distanziati l’uno dall’altro. Si coprono con un telo e si lasciano lievitare fino al raddoppio. Una volta lievitati, si spennella la superficie superiore con dell’olio extra vergine di oliva e si aggiunge un po’ di sale fino.
Si fa riscaldare il forno alla massima temperatura, sul fondo si mette una bacinella con dell’acqua per creare vapore, poi s’infornano nella parte mediana e si lasciano cuocere per 25-30 minuti, dipende dal forno. Si sforna e si lasciano raffreddare su una griglia.
Per la frittata: in un padella si mettono le cipolle tagliate a fettine con un filo di olio extra vergine di oliva, si salano e si pepano e si copre con un coperchio. In una grande scodella si sbattono le uova, si aggiunge il pepe nero, un pizzico si sale, il formaggio e il prezzemolo tagliato. Si versa il composto nelle padella con le cipolle stufate, si copre con il coperchio e si fa cuocere a fuoco basso finché non si rapprende completamente la frittata. 
Una volta cotta si deposita su un piatto e si taglia a tranci.
Si compongono i panini tagliandoli in due, si mette una foglia di insalata cappuccina, una di radicchio di Chioggia e un trancio di frittata, si ricopre con l’altra parte del panino e si lascia che “sponza”.



21 commenti:

  1. E come dare torto a Papaleo...!!!

    RispondiElimina
  2. Che spettacolo questi panini, da gustare fino all'ultimo morso!!

    RispondiElimina
  3. buonissima, mi ricorda quando ero piccola, lo volevo sempre nei viaggi, nei pic nic, a scuola, quanti ricordi!

    RispondiElimina
  4. Troppo divertente quel film!! Ricordo la scena... Ottimo davvero pane e frittata.. era il pranzo che mia mamma preparava quando andavamo al mare.. gnamm gnamm.. Buon inizio settimana :-D smack

    RispondiElimina
  5. Sapori lontani ma sapori che non si dimenticano e pane e fritta è uno di quei piatti coccola che adoro...la tua frittata con i panini homemade è uno spettacolo cosi come questo film!!!Baci grandi,Imma

    RispondiElimina
  6. da bambina lo mangiavo spesso, devo riprendere questa buona abitudine anche adesso!! Un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  7. Ma esiste qualcosa di più buono di un bel panino con la frittata???????

    RispondiElimina
  8. è un cibo considerato vintage, quasi fuori moda eppure, secondo me, è migliore di molti altri creati di recente ! Buona settimana

    RispondiElimina
  9. con un panino così mi faresti dal donna più felice del mondo :)
    un bacio, buona settimana

    RispondiElimina
  10. Il panino con la frittata era una delle merendine quando andavo a scuola elementare. Non mi piaceva troppo però saziava ora con tutte queste buone cose è una leccornia. Buona serata.

    RispondiElimina
  11. Che dire? è uno dei panini che più amo!

    RispondiElimina
  12. Ho visto il film più volte e lo rivedrei magari mangiando questo buonissimo panino!!! Un classico che mi fa ritornare bambina!!!

    RispondiElimina
  13. Nello zaino, quando da ragazzina andavo in gita, c'era sempre un panino con la frittata, lo adoravo!!! E' una vita che non lo mangio, mi hai fatto venire una gran voglia, con il pane fatto in casa poi...troppo buono!!!
    un bacione

    RispondiElimina
  14. La frittata con le cipolle è imperdibile se poi ci metti un pane speciale il gioco è fatto...quanti ricordi

    RispondiElimina
  15. Mia mamma non me l'ha mai fatto pane e frittata (forse perchè sa che non sono una gran degustatrice di frittata!!!) ma ha un bell'aspetto!!!!
    Buona giornata

    RispondiElimina
  16. Mi hai fatto venire in mente mia nonna...lo faceva spesso..un piatto davvero ricco! BRAVISSIMA!
    unospicchiodimelone!

    RispondiElimina
  17. Questo è un piatto unico sano e goloso da tenere in considerazione x l'estate ^_^

    RispondiElimina
  18. quel film è mitico, ma anche da me si usa il termine sponzare il pane nel senso di inzuppare...per me è il panino delle gite scolastiche!

    RispondiElimina
  19. Quanti ricordi e che bontà. Il panino più buono del mondo!!!
    Un abbraccio... arrivo per la merenda!!!

    RispondiElimina
  20. Sapore dei ricordi di infanzia ecco questo per me è il re dei panini!
    baci
    Alice

    RispondiElimina

Grazie per i commenti e consigli, sono sempre ben accetti.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...