venerdì 25 luglio 2014

Calamarata con sugo di calamaro e cozze

Al classico calamaro che in genere si condisce questo formato di pasta, da cui prende il nome, ho aggiunto le cozze.







Ingredienti:
400 g di calamarata
250 g di pomodori pelati
500 g di cozze
1 calamaro grande
1 spicchio di aglio
1 ciuffetto di prezzemolo
2 cucchiai di vino bianco secco
olio extra vergine di oliva
peperoncino

  

Preparazione:
Si puliscono le valve delle cozze. Si prende un’ampia padella si trasferiscono le cozze, si copre con il coperchio e si lasciano cuocere a fuoco vivo alcuni minuti, in modo da farle aprire. Una volta aperte si tolgono dalla padella, si scolano e si filtra il liquido di cottura con un colino o con panno, si mette da parte. Si fanno raffreddare per poi separare i molluschi dalle valve (si lascia qualcuna intera).
Si taglia il calamaro a rondelle. Nella stessa padella si fa imbiondire lo spicchio di aglio nell’olio extra vergine di oliva e nel peperoncino, si aggiunge il calamaro, si fa scottare per alcuni minuti, poi si sfuma con il vino bianco, si aggiunge il liquido delle cozze e si fa un po’ restringere. Poi si aggiungono i pomodori pelati un po’ schiacciati, si copre e si fa cuocere per 15-20 minuti, verso la fine si aggiungono le cozze per farle insaporire.

Si fa cuocere la pasta al dente, si scola e si unisce al sugo, si fa saltare per un minuto e si aggiunge un filo di olio extra vergine di oliva ed il prezzemolo tritato.




mercoledì 23 luglio 2014

Polpette estive con salsina allo yogurt greco

Sono delle semplicissime polpette di verdure avvolte da una panatura aromatica e cotte al forno; accompagnate da una salsina alla yogurt greco.








Ingredienti:
2 zucchine
2 patate media
1 peperone giallo
1 cucchiaio di olive nere denocciolate
1-2 cucchiai di pangrattato
1 uovo
olio extra vergine di oliva
sale
pepe nero

Pangrattato aromatico
4 cucchiai di pangrattato
1 cucchiaio di parmigiano Reggiano o grana Padano
timo fresco
pepe nero


Per la salsina:
140 g circa di yogurt greco
alcuni fili di erba cipollina sminuzzata
olio extra vergine di oliva
sale
pepe nero


Preparazione:
Si lavano la patate e si mettono in acqua fredda e si fanno cuocere.
Si tagliano le zucchine e i peperoni a tocchetti si mettono in larga padella con un filo di olio extra vergine di oliva con il sale e il pepe, si fanno saltare alcuni minuti devono essere cotte ma ancora croccanti. Si mettono in un recipiente e si fanno un po’ raffreddare; una volta cotte le patate si fanno raffreddare e si toglie la buccia, si schiacciono con lo schiacciapatate e si aggiungono alle verdure. Si uniscono le olive tagliate a rondelle, il pangrattato, l’uovo, il pepe nero e se occorre il sale; si mescola il tutto. Si formano le polpette e si passano nella panatura aromatica, si dispongo su un vassoio si copre con la pellicola e si mettono in frigorifero per almeno 1 ora a riposare.

Si mettono su una placca da forno ricoperta di carta forno, si ungono con un po’ di olio extra vergine di oliva e si cuociono a forno caldo a 190° C, per 20-30 minuti dipende dal forno.


Per la salsina, si condisce lo yogurt greco con un filo di olio extra vergine di oliva, sale e pepe nero, si mescola il tutto e si aggiunge l’erba cipollina sminuzzata. Si copre e si mette in frigorifero a riposare, fino a che non si utilizza.





lunedì 21 luglio 2014

Timpanino alla cardinale

Quando vidi il Timpano alla cardinale nel blog di Assunta, rimasi colpita da quel guscio di pomodori che racchiudevano la pasta. Oltre che la bella presentazione, leggendo la ricetta immaginavo la bontà di quel timballo di pasta; il blog di Assunta è una garanzia di bontà e bellezza. Finalmente ho provato la ricetta, ho fatto delle monoporzioni, ho utilizzato come pomodori i datterini e come pasta i ditalini, più adatti per le piccole dimensioni. L’aspetto è da migliorare, ma posso assicurare che erano buonissimi.










Per la ricetta originale, tratta dal libro di Jeanne Carola Francesconi La cucina napoletana, rimando al blog  La cuoca dentro


Ingredienti per 4 stampini usa e getta

Per i pomodori
400 g di pomodorini datterini
2 cucchiai di pangrattato
un ciuffetto di prezzemolo
alcune foglie di basilico
1 spicchio di aglio
olio extra vergine di oliva
sale
pepe nero


Per la salsa
3 pomodori ramati medi
1 spicchio di aglio
olio extra vergine di oliva
sale
pepe nero


Per il ripieno
150 g di ditalini rigati o altra pasta corta
120 g di mozzarella
50 g di parmigiano
30 g di pecorino romano
basilico


Preparazione:
Si tagliano i pomodorini a metà, si privano dei semi e si lasciano sgocciolare per un quarto d’ora.
In una ciotola si mescola il pangrattato con l’aglio tagliato a pezzetti, il sale, il pepe, il basilico, il prezzemolo e olio extra vergine di oliva. Si riempie con questo composto i mezzi pomodori, si dispongono su una placca da forno ricoperta di carta forno; s’infornano per circa 30 minuti in forno caldo. Il pangrattato non deve essere molto colorito. Una volta cotti si lasciano raffreddare.

Nel frattempo si prepara la salsa. Si fanno sbollentare i pomodori in acqua calda per alcuni minuti, si priva della pelle e si tagliano a pezzetti. In una padella si fa imbiondire lo spicchio di aglio in olio extra vergine di oliva, si aggiungono i pomodori si salano e si pepano e si fanno cuocere per 20 minuti circa. Deve essere una salsa abbastanza liquida, se necessario si aggiunge un po’ di acqua.

Si fa cuocere la pasta in abbondante acqua calda salata per tre minuti, si scolano e si versano nel sugo, si lasciano insaporire per altri 3 minuti. Si tolgono dal fuoco e si aggiungono i formaggi grattugiati e la mozzarella a pezzetti.

Si rivestono gli stampini con la carta forno, si foderano con i pomodori gratinati con la buccia verso l’esterno, prima il fondo poi i lati cercando di tenerli ben stretti l’uno all’altro. Si riempie con la pasta e si copre con altri pomodorini. Si mettono in forno caldo a 180° C per circa 30 minuti; una volta cotti si lasciano a raffreddare per una ventina di minuti. Si sformano capovolgendoli ognuno su un piatto.














Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...