mercoledì 12 marzo 2014

Latviešu kāposti


Con l’Abbecedario Culinario della Comunità Europea facciamo tappa in un piccolo stato situato nell'Europa nord-orientale: la Lettonia.
Tra le ricette lettoni ho scelto un contorno che ha come protagonista il cavolo cappuccio, alimento quasi onnipresenza nella cucina lettone, soprattutto in forma di crauti (Sauerkraut); dovuto all'influenza della nobiltà germanica (detti i baroni baltici o Tedeschi del Baltico) presente nel territorio dal Medioevo fino agli anni ‘30 del XX secolo.
Ho trovato varie ricette simili, ma con nomi leggermente diversi (šķovēti kāposti, skābie kāposti) che hanno tutte in comune la caratteristica di essere dolci o agrodolce, per la presenza dello zucchero di canna.
Le ricette prevedono i crauti (Sauerkraut), io invece sono partita dal cavolo cappuccio stufato al vino bianco che ovviamente, non è la stessa cosa dei crauti; il sapore che ne risulta è molto meno acidulo. Nella ricetta a cui ho fatto più riferimento, ci sono anche le mele che mi hanno ricordato piatti simili che si possono trovare in alcune regioni dell’Italia settentrionale (Trentino Alto Adige, Friuli Venezia Giulia, alto Veneto). Detto questo, è venuto fuori un piatto piacevole dal sapore agrodolce.




Crauti con pancetta cipolla e mele




Liberamente tratto da qui e da qui

Ingredienti:
800 g di crauti (Sauerkraut)  io cavolo cappuccio stufato al vino bianco*
100 g di pancetta (io guanciale)
2 mele fuji
2 foglie di alloro
1 cipolla
2 cucchiaini di zucchero di canna
1 cucchiaino di semi di cumino
pepe nero


Preparazione:
Si scolano bene i crauti della loro parte liquida. (* Se non si vogliono usare i crauti, si lava bene il cavolo cappuccio e si taglia a striscioline, si mette in una casseruola, si sala e si fa cuocere coperto a fuoco basso per 30 minuti circa, poi si sfuma con mezzo bicchiere di vino bianco e si copre ancora per 30-40 minuti).
Si tagli a pezzetti la pancetta (io guanciale) si fa scottare in una padella antiaderente per far sciogliere il grasso. In una casseruola si mettono a stufare le cipolle con la pancetta (guanciale), poi si aggiungono i crauti scolati (nel mio caso il cavolo cappuccio stufato), le mele a pezzi, le foglie di alloro, i semi di cumino e lo zucchero. Si aggiunge un bicchiere di acqua e si porta ad ebollizione, poi si abbassa la fiamma e si copre, si fa cuocere mescolando ogni tanto per 1 ora circa. (Se occorre si aggiunge altra acqua e a piacere altro zucchero. Nelle ricette la cottura prevista è di 2 ore e mezza anche 3 ore).


Con questa ricetta partecipo alla raccolta dell'Abbecedario Culinario della Comunità Europea per la cucina della Repubblica Lettone ospitato dal blog Briggis'home.










26 commenti:

  1. Quello dell'abbecedario è diventato un appuntamento irrinunciabile, mi piace troppo!!!!!

    RispondiElimina
  2. troppo interessanti i tuoi appuntamenti con la cucina internazionale, bellissima ricetta !

    RispondiElimina
  3. Da provare sicuramente, mi piacciono molto tutti i cavoli e affini, brava!
    Baci

    RispondiElimina
  4. Non me la devo far scappare questa ricetta, mi piace il cavolo cappuccio e cerco sempre nuove ricette per cucinarlo, golosa e poi con la mela ci sta benissimo! Baci

    RispondiElimina
  5. E' incredibile quante cose si imparano passando qui da te. Chissà che delizia questa ricetta :-) Un abbraccio forte cara

    RispondiElimina
  6. Mi piace sempre tantissimo quando pubblichi queste ricette! Questa poi è sensazionale, che buona con questa mix. Già conosco l'abbinamento mela e pancetta e lo trovo stupendo. Con questi altri ingredienti dev'essere superbo.
    un grandissimo abbraccio

    RispondiElimina
  7. Ottimo io a Trieste trovo sempre i crauti acidi pronti li usiamo molto. Buona giornata.

    RispondiElimina
  8. Col tuo abbecedario scopro sempre ricette nuove e meravigliose. Il cavolo cappuccio è una verdura che amo molto.

    RispondiElimina
  9. Adoro i crauti!! Questi sono proprio come piacciono a me!!
    Grazie per la ricetta lettone moooolto gustosa!!
    Baciussss
    brii

    RispondiElimina
  10. Ah però, almeno virtualmente siamo in Lettonia insieme! Allora godiamoci anche i tuoi stuzzicanti crauti, bacione a presto

    RispondiElimina
  11. Che piatto:) i tuoi spunti internazionali sono davvero interessanti fra, complimenti:*

    RispondiElimina
  12. Che bella ricetta . sempre molto interessante e goloso questo appuntamento . Un abbraccio Daniela.

    RispondiElimina
  13. oggi ci hai portato in Lettonia con un piatto veramente interessante. Grazie.

    RispondiElimina
  14. Decisamente sconosciuta per me questa ricetta ... e che sapori insoliti, dolce e salato ben uniti ! Complimenti ! un abbraccione !

    RispondiElimina
  15. Adoro i crauti, questa ricetta mi piace per l'abbinamento dolce-salato e le mele.Mi manderesti il tuo indirizzo per spedirti le cartoline(Kandinsky e Milano)? Un caro saluto, a presto!

    RispondiElimina
  16. Pensa che avevo scambiato qulle fette per patate e invece sono mele! Io adoro provare piatti nuovi e devo dire che lo assaggerei prorio volentieri questo tuo piatto, mi sembra un abbinamento di sapori davvero azzeccato! Un salutone, Angela

    RispondiElimina
  17. Mi piace questo appuntamento con l'abbecedario!
    a presto
    Alice

    RispondiElimina
  18. Particolare questa ricetta e la trovo molto in sintonia con i miei gusti :)

    RispondiElimina
  19. Una ricetta molto gustosa e invitante, da provare!!! Complimenti!!!!

    RispondiElimina
  20. Mi ispira molto! Mi farebbe molto piacere se passassi dal mio blog: http://golosedelizie.blogspot.it/
    ti aspetto ^_^

    RispondiElimina
  21. Ho serie serie difficoltà a trovare la mia ricetta lettone per l'abbecedario... Buona la tua, i crauti mi piacciono sempre molto, in qualsiasi modo sono serviti!!

    RispondiElimina
  22. Ecco mi hai ricordato che devo preparare la ricetta lettone per l'abbecedario! Gustosissimo questo piatto, amo il mix di sapori che si crea tra le mele, i crauti e la pancetta!

    RispondiElimina
  23. Grazie per la tua partecipazione, ormai immancabile! Ecco la pagina con tutti i contributi: http://abcincucina.blogspot.com.es/2014/03/u-come-undens-klinger.html...e ora pronta per la Lituania?

    Ciauuuuu
    Aiu'

    RispondiElimina

Grazie per i commenti e consigli, sono sempre ben accetti.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...