venerdì 5 dicembre 2014

Brodo di polpo
‘O brodo ‘e purpo

… la botteguccia portatile di don Gennarino Aprile spiccava con le sue tre lampade ad acetilene, con la sua pentola fumante, con la sua pila di piatti e di tazze contro l'escoriatissimo muro. Era un enorme cesto di vimini con tutto l'occorrente per allestire e spacciare al defluente pubblico del Teatro Nuovo i peoci al succo di limone, le alici fritte, ma specialmente il brodo di polipo. Le dimensioni di questo polipo erano tali che sempre mi ricordavano la piovra descritta da Hugo in uno dei suoi fragorosi romanzi; don Gennarino non si illudeva di cuocerlo effettivamente, né in tutto né in parte: egli vi dava per due soldi una tazzina di bollente brodo del mostro (un cui solo tentacolo era bastato per riempire la pentola), ravvivata da un pizzico di pepe rosso e da un dado di polipo che equivaleva a circa un quarto della più piccola ventosa. Dopo aver sorseggiato l'infernale liquido, ed averlo sentito esplodere nello stomaco, ci si avviava verso casa masticando il frammento di polipo. Per ore esso sopravviveva intatto a ogni sforzo mascellare, limitandosi ad emettere remoti e arguti odori marini che evocavano le miti acque di Santa Lucia, i repentini fremiti delle sabbie sommerse, le vele in deliquio sulla linea dell'orizzonte… 
Giuseppe Marotta, I Quartieri da L'oro di Napoli, 1947



Lo spunto per questo piatto viene da uno dei libri più intensi e in alcuni parti poetici che descrivono la vita di una delle più belle città italiane, Napoli. I trentasei racconti che compongono L’oro di Napoli (uno già menzionato per il famoso ragù napoletano), in origine erano degli elzeviri della terza pagina del Corriere della Sera, scritti da Giuseppe Marotta a Milano. Nel 1947 l’editore Valentino Bompiani decise di raccoglierli in un unico volume, ed ebbe un enorme successo di pubblico e di critica, tanto che nel 1954 alcuni racconti furono lo spunto dell’omonimo film di Vittorio De Sica.
Marotta racconta le storie ed i protagonisti dei vicoli e dei “bassi” di una Napoli della guerra e del dopoguerra, ferita e in miseria. Una città che cerca con la fantasia e la dignità di sopravvivere “inventandosi” mestieri; uno di questi è quello del protagonista del racconto I Quartieri, Gennarino Aprile venditore ambulante di brodo di polpo (‘o brodo ‘e purpo) e pesce fritto all’uscita del Teatro Nuovo.
O broro ’e purpo era un antico cibo da strada molto comune nei periodi freddi. Il brodo era ottenuto da pezzi di polpo fresco bollito ed insaporito da pepe, servito in tazza con in genere i tentacoli che a Napoli chiamano "ranfetelle". Lo ricorda anche Matilde Serao nella sua inchiesta giornalistica Il Ventre di Napoli (1884) che con due soldi si poteva comprare una tazza del bollente brodo di polipo “bollito nell’acqua di mare” il cui “commercio lo fanno le donne, nella strada, con un focolaretto e una piccola pignatta”. Oggi è ancora possibile trovare il brodo di polipo nella zona di Porta Capuana ed è accompagnato da fette di limone.



Brodo di polpo alla napoletana con limone





Ingredienti:

1 polpo di 1 kg circa
sale grosso
pepe nero
2 foglie di alloro
olio extra vergine di oliva
1 o 2 limoni


Preparazione:

Si pulisce per bene il polpo, si elimina la sacca, il becco, gli occhi, s’immerge in abbondante acqua fredda  e si porta ad ebollizione. Si aggiunge l’olio extra vergine di oliva, il sale, il pepe e si fa cuocere per 40-50 minuti fino a che risulterà morbido. Si prende il polpo si  tagliano i tentacoli e si mettano da parte. Si filtra il brodo con un colino e si versa nelle tazze si aggiunge un pezzo di tentacolo, a Napoli lo chiamano "ranfetella"; a piacere si aggiunge il pepe nero e qualche goccia di limone.

Con il resto del polpo si può fare la classica insalata, si taglia a pezzetti e si condisce con sale, pepe nero e limone. Oppure si può condire con gli agrumi e menta.


Polpo con arancia, limone e menta

Polpo agli agrumi e menta





23 commenti:

  1. Grazie per questo bel post...sono napoletana e mi fa tanto piacere che qualcuno non ricordi la mia terra solo per le cose brutte....un bellissimo "piatto"!!!!!!!Buon fine settimana!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho una passione per Napoli. Come ho scritto è una delle più belle città italiane.

      Elimina
  2. Ma che bontà... mai fatto un brodo dipolpo.. o poi lo adoro!!!! Un abbraccio :-) buon w.e.

    RispondiElimina
  3. Preparazione davvero ottima!Complimenti! Amo da pazzi il polpo!!
    Buon fine settimana

    RispondiElimina
  4. Ma che buono, mi piace tantissimo, questo è da provare, brava!
    Buon fine settimana!

    RispondiElimina
  5. Mi piace sempre imbattermi nelle ricette della tradizione, che raccontano qualcosa di noi e della nostra storia. Una lettura piacevolissima che mi ha fatto scoprire una preparazione che non conoscevo. Grazie!

    RispondiElimina
  6. da te scopro sempre ricette nuove e sfiziose, mai sentito il brodo di polpo, mi piace! Un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  7. non ho mai fatto il brodo di polpo, sai che è un'idea geniale? Buon fine settimana

    RispondiElimina
  8. Grande capolavoro "L'oro di Napoli" di De Sica, racconta storie fantastiche con interpreti straordinari, visto e rivisto più volte, ormai lo conosco a memoria. :) ...certo che i napoletani sanno davvero vivere emozionando!
    Il tuo polpo sarà sicuramente buonissimo, piacere di averti letto.
    Grazie, a presto!

    RispondiElimina
  9. Ottimo mai fatto il brodo di polpo. Ti do un idea se vuoi provare qui una cuoca (serba) me li ha fatti in un ristorante. Spiedino con i pezzi di polpo tagliati tra uno è l'atro una zucchina, un pezzetto di peperone e poi rifinito sulla griglia e in piatto un goccio di olio al limone. Favoloso. Prendo nota del brodo. Buona fine settimana.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Prendo nota anch'io della ricetta. :)

      Elimina
  10. Bella l'introduzione a questa particolare ricetta, mi piace l'idea di servire il brodo di polpo, molto intrigante, grazie!!!
    Buona serata...

    RispondiElimina
  11. Bellisimo il racconto d'introduzione , la ricetta è favolosa , voglio assolutamente provarla . Un abbraccio, Daniela.

    RispondiElimina
  12. Mai fatto il brodo fi polpo! Ricetta bellissima e post altrettanto bello!
    Baci cara.

    RispondiElimina
  13. non l'ho mai provato, ma deve essere veramente buono, come tutta la cucina napoletana. Grazie, ottima ricetta.

    RispondiElimina
  14. Sono napoletana e lo conosco bene, molto bene. Poi, adoro il polpo!

    RispondiElimina
  15. non male come idea,sicuramente da provare!

    RispondiElimina
  16. Romantico e molto avvincente questo post e la descrizione di questo polipo fumante!

    RispondiElimina
  17. Da napoletana non posso che rimanere affascinata e emozionata da quedti racconti, grazie cara...Berrei o bror e mangerei na ranfetella mooolto volentieri!
    Che profumo ragazza mia...ancora grazie!

    RispondiElimina
  18. mai fatto mai provato e neanche pensavo si potesse fare, ma ora mi hai incuriosito troppo e lo devo provare assolutamente!
    baci
    Alice

    RispondiElimina
  19. Un'amante del polipo come me ha trovato interessante il tuo spunto... adesso so cosa farci con il brodo! :-)

    RispondiElimina

Grazie per i commenti e consigli, sono sempre ben accetti.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...